Innovazione

Musica: la psicologia del ballo

Che la musica sia di Lady Gaga o Bob Marley, un computer ci sa riconoscere da come balliamo: alcuni movimenti ci contraddistinguono.

Che vi muoviate come un manico di scopa o siate i nuovi Nureyev, il modo in cui ballate rivela molto su chi siete e sulla vostra personalità: è quanto emerge da uno studio condotto dai ricercatori dell'Università di Jyväskylä (Finlandia), pubblicato sul Journal of New Music Research. «È come se i passi di danza fossero una sorta di impronta digitale», afferma Pasi Saari, uno degli autori della ricerca. Il modo in cui ci muoviamo a ritmo di musica, oltre a renderci identificabili da un computer, direbbe molto sulla nostra personalità e sul nostro umore: «Ognuno di noi balla in un modo unico, con delle movenze tipiche che rimangono le stesse anche se cambia il genere musicale», spiega Saari.

Let's dance! Per i 73 volontari che hanno partecipato alla ricerca il compito è stato semplice (e divertente): ballare sulle note di canzoni appartenenti a otto diversi generi di musica (blues, country, dance/elettronica, jazz, metal, pop, reggae e rap). Durante il ballo sono stati "osservati" da un computer che, tenendo traccia dei loro movimenti, ha cercato di distinguere un ballerino dall'altro.

Compito iniziale: fallito. Inizialmente l'idea dei ricercatori era testare se il computer fosse in grado di indovinare i diversi generi musicali sulle note dei quali ballavano i partecipanti. I risultati in questo senso, però, sono stati piuttosto deludenti: solo la musica metal è stata riconosciuta il 53% delle volte; riconoscere gli altri generi si è rivelata un'impresa piuttosto ardua per il cervello elettronico, che ha avuto particolare difficoltà con la musica pop, azzeccata solo in meno del 10% dei casi.

Il computer si è invece rivelato inaspettatamente abile a distinguere chi fossero i diversi ballerini: a prescindere da quale musica stesse suonando, i partecipanti sono stati individuati correttamente il 94% delle volte.

Futuri sviluppi. La ricerca, però, non finisce qui: «Sono parecchie le domande a cui vogliamo dare risposta», afferma Emily Carlson, a capo dello studio. «Ci interessa comprendere, ad esempio, se i movimenti che ci contraddistinguono rimangono uguali durante il corso della vita, se esistono delle differenze culturali, e come ci riconosciamo tra noi in base al nostro modo di muoverci a ritmo di musica.»

27 febbraio 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us