Innovazione

Musica: la psicologia del ballo

Che la musica sia di Lady Gaga o Bob Marley, un computer ci sa riconoscere da come balliamo: alcuni movimenti ci contraddistinguono.

Che vi muoviate come un manico di scopa o siate i nuovi Nureyev, il modo in cui ballate rivela molto su chi siete e sulla vostra personalità: è quanto emerge da uno studio condotto dai ricercatori dell'Università di Jyväskylä (Finlandia), pubblicato sul Journal of New Music Research. «È come se i passi di danza fossero una sorta di impronta digitale», afferma Pasi Saari, uno degli autori della ricerca. Il modo in cui ci muoviamo a ritmo di musica, oltre a renderci identificabili da un computer, direbbe molto sulla nostra personalità e sul nostro umore: «Ognuno di noi balla in un modo unico, con delle movenze tipiche che rimangono le stesse anche se cambia il genere musicale», spiega Saari.

Let's dance! Per i 73 volontari che hanno partecipato alla ricerca il compito è stato semplice (e divertente): ballare sulle note di canzoni appartenenti a otto diversi generi di musica (blues, country, dance/elettronica, jazz, metal, pop, reggae e rap). Durante il ballo sono stati "osservati" da un computer che, tenendo traccia dei loro movimenti, ha cercato di distinguere un ballerino dall'altro.

Compito iniziale: fallito. Inizialmente l'idea dei ricercatori era testare se il computer fosse in grado di indovinare i diversi generi musicali sulle note dei quali ballavano i partecipanti. I risultati in questo senso, però, sono stati piuttosto deludenti: solo la musica metal è stata riconosciuta il 53% delle volte; riconoscere gli altri generi si è rivelata un'impresa piuttosto ardua per il cervello elettronico, che ha avuto particolare difficoltà con la musica pop, azzeccata solo in meno del 10% dei casi.

Il computer si è invece rivelato inaspettatamente abile a distinguere chi fossero i diversi ballerini: a prescindere da quale musica stesse suonando, i partecipanti sono stati individuati correttamente il 94% delle volte.

Futuri sviluppi. La ricerca, però, non finisce qui: «Sono parecchie le domande a cui vogliamo dare risposta», afferma Emily Carlson, a capo dello studio. «Ci interessa comprendere, ad esempio, se i movimenti che ci contraddistinguono rimangono uguali durante il corso della vita, se esistono delle differenze culturali, e come ci riconosciamo tra noi in base al nostro modo di muoverci a ritmo di musica.»

27 febbraio 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us