Innovazione

Mubarak sfrutta i cellulari e manda sms a suo favore

L’ordine arriva da Mubarak

Continuano le manifestazioni e le violenze da parte dei manifestanti che vogliono le dimissioni del presidente Mubarak e coloro che lo sostengono.

Nella giornata di ieri è arriva una nota da parte dell’operatore di telefonia mobile Vodafone in cui segnalano una forzatura da parte di alcuni esponenti del governo di Mubarak che hanno obbligato le compagnie telefoniche, Vodafone in primis, ad inviare messaggi sms a sostegno del governo a tutti gli abbonati, inoltre il presidente egiziano ha utilizzato i messaggi di testo per organizzare la manifestazione del 2 Febbraio.

Nel testo del messaggio il presidente ha fatto inviare i l’orario ed il luogo dove si sarebbe tenuta la manifestazione.

Pensate che ha dato mandato di sospendere il blocco delle comunicazione (in vigore da Venerdì scorso) così da poter raggiungere con i propri messaggi tutti i sostenitori per poi bloccare nuovamente tutte le comunicazioni.

In base ai poteri di emergenza della legge sulle telecomunicazioni le autorità egiziane possono ordinare agli operatori di telefonia mobile (Mobinil, Etisalat e Vodafone) di inviare messaggi a tutta la popolazione.

Tuttavia sfruttare questa legge per incitare la violenza ed inviare messaggi filo-governativi, non credo rientri proprio nelle emergenze per cui è stata scritta la legge.

Ecco i contenuti dei tre messaggi inviati al popolo:

- “Le forze armate prendono cura della vostra sicurezza e non ricorreranno all’uso della forza contro questo grande popolo”

- Il secondo sms è un appello di proteggere il paese perchè la “patria rimarrà sempre”

- Il terzo messaggio quello che probabilmente ha fatto più scalpore informa tutti i cittadini di una manifestazione tenutasi nella città del Cairo a favore del presidente Mubarak.

Si tratta probabilmente di un uso non proprio corretto di una legge che in caso di necessita è davvero essenziale. Voi cosa ne pensate?

5 febbraio 2011 Daniele Perotti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us