Innovazione

Microsoft Office vs OpenOffice. Microsoft gioca sporco

Un suo spot infanga OpenOffice.org.

Microsoft gioca sporco, sarà forse l'ultima pedina che gli resta da giocare?

Stiamo parlando del suo più grande rivale nel campo software per la produttività, ovvero OpenOffice.org, una suite dalle funzioni simili a quella Microsoft con la differenza che quest'ultima ha dei costi elevati di acquisto. Sempre più gente, aziende e scuole adottano Openoffice.org (che ricordiamo essere OpenSource e gratuito) come soluzione a costo zero a discapito di Microsoft che ha sempre meno soldi in saccoccia.

In passato Microsoft aveva ignorato questo rivale, facendo affidamento sulla “superiorità” del suo software, ma ora ha cominciato a giocare sporco.

Qui sotto vi ho postato un video (sul canale Microsoft, con i commenti disabilitati...) dove Microsoft invece che pubblicizzare positivamente il suo prodotto, ha fatto una comparativa fra OpenOffice.org e Microsoft Office, improntando il tutto sulle esperienze di persone (reali o no, non si sa) che in scuole e aziende sono passate a OpenOffice.org rimanendone insoddisfatte, vuoi per i costi maggiori di mantenimento, vuoi per la minore produttività e compatibilità.

Grida di sollievo si alzano quando uno di questi anonimi dice di essere tornato a Microsoft Office per la gioia di tutti.

Ora: questa più che una pubblicità comparativa mi sembra un attacco vero e proprio ad un rivale che non è neanche sul piano commerciale visto che non è in vendita ma gratuito...

La pedina che gioca Microsoft nello spot è inoltre poco credibile: una voce elogia il fatto che la gente abbia una maggiore familiarità con la suite Microsoft, ma non mi pare di vedere queste enormi differenze concettuali fra le due suite: qualsiasi persona familiare con una si troverà più che bene con l'altra, questione di pochi giorni.

I problemi di compatibilità nei formati di salvataggio inoltre, non esisterebbero se la gente salvasse sempre i documenti in un formato standard e libero quale è quello di OpenOffice.org senza ostinarsi a salvare in formati chiusi e poco chiari come quello che utilizza Microsoft.

Trovo che questo spot riesca solo a mettere in ulteriore cattiva luce Microsoft, che pare non avere una linea di pensiero ben precisa, anzi da un lato rilascia codice open, dall'altro fa pubblicità ingannevole danneggiando un rivale.

Non ci siamo Microsoft: se sempre più gente passa a OpenOffice.org ci sarà un motivo, e non saranno certo le voci di anonime esperienze non documentate a fargli cambiare idea.

E voi cosa ne pensate? Preferite Microsoft Office o OpenOffice.org? E perchè?

15 ottobre 2010 Raffaele Camoriano
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us