Innovazione

MetaLimbs: due braccia in più fanno comodo

Dall'Università di Tokyo ecco gli arti robotici che controlli con piedi e ginocchia: una coppia extra di mani da aggiungere a quelle che hai già, per fare più cose contemporaneamente.

Quante volte, carichi davanti alla porta di casa, avete espresso il bisogno di una coppia di braccia aggiuntive? Un gruppo di ricercatori giapponesi le ha ideate per voi, ma prima di usarle serve un po' di pratica.

A disposizione. I MetaLimbs - un'idea dell'Inami Laboratory presso l'Università di Tokyo - sono arti robotici che si indossano con le cinghie, come uno zaino, e spuntano davanti a voi posizionandosi ai lati delle braccia normali. Si comandano con una serie di sensori di posizione sistemati su piedi e ginocchia: queste ultime fanno la parte dei "gomiti", dove si snoda l'articolazione, mentre alluce & co. comandano le mani robotiche.

Fatto con i piedi. Calze con sensori di piegamento da indossare ai piedi rilevano i movimenti delle dita e li trasmettono alle finte mani: arricciando le estremità inferiori si riesce così a chiudere i pugni di terza e quarta mano. Su queste si trovano invece sensori tattili che, quando sfiorati, trasmettono sensazioni di pressione al piede dell'utilizzatore.

La giusta motivazione. Per ora i MetaLimbs funzionano meglio da seduti, ma i ben allenati possono provare ad usarli anche stando fermi in piedi. Prima di lanciarsi in compiti delicati (come afferrare una tazza di caffè bollente) meglio però fare un po' di esercizio. Una lieve torsione del ginocchio può innescare un'apertura improvvisa degli arti, e non tutti controllano i piedi con la stessa destrezza delle mani. Nel video qui sotto potete ammirare gli arti extra alla prova:

4 giugno 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us