Innovazione

Meno violenza per il futuro?

La recente tragedia del Giappone potrebbe avere conseguenze non soltanto a livello di produttività da parte del mercato videoludico giapponese, sempre in prima linea a livello creativo e qualitativo, ma nel rapporto che spesso accompagna videogiochi e violenza.

Mentre scrivo questi miei pensieri, dall’altra parte del mondo ci sono persone che non sanno più cosa sia il divertimento perché stanno vivendo un incubo. La tragica situazione che ha coinvolto il Giappone ha fatto ben presto capire a tutti che la tecnologia non serve a nulla di fronte a disastri di questa portata.

Sono molti gli oggetti che popolano le nostre case, frutto della creatività del Giappone, non pensate soltanto ai videogiochi, ma anche alle tv, ai lettori dvd, ai cellulari e a mille altre cose che utilizziamo quotidianamente. Tante cose che adesso appaiono insignificanti di fronte a questi avvenimenti così sconvolgenti.

L’industria videoludica giapponese, però, ad oggi fortemente a rischio per quel che riguarda i processi produttivi di numerosi titoli in sviluppo per i principali sistemi presenti nel mercato. La notizia, trapelate sulle pagine di alcune testate nipponiche in seguito al disastroso andamento della borsa di Tokyo, potrebbe coincidere con un cambiamento di rotta, arrivando persino a ridefinire, se non addirittura ad apportare forti cambiamenti verso quei videogiochi che, pensati in un contesto immaginario in cui certi scenari si erano visti soltanto in un prodotto d’animazione giapponese o, spesso, in pellicole apocalittiche (vi ricordate Godzilla?), attualmente risulterebbero molto fuori luogo. Alcuni messaggi di speranza sono già giunti attraverso il mondo dei manga, altra passione nota anche qui e sempre proveniente dalle menti giapponesi.

Personalmente, se è pur vero che “the show must go on”, ritengo che un’eccezione a conferma della regola possa essere non soltanto utile, ma sensata. Difficile capire in che termini e chi potrebbe adottare una strategia, tuttavia la situazione potrebbe presto risultare più chiara, sperando che la crisi giapponese, così seria e drammatica attualmente, torni presto su binari meno allarmanti.

Nell’attesa, forse tutti dovremmo riflettere e dedicare un pensiero al Giappone, in attesa del suo ritorno alla vita normale e, di riflesso, tecnologica.

Roberto Ritondo

19 marzo 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us