Innovazione

Meno emissioni nelle grandi città che nei piccoli centri

Lo conferma un nuovo studio.

L'effetto serra è un fenomeno che permette al nostro pianeta di trattenere il calore del sole, e quindi consente lo sviluppo della vita. Negli ultimi anni l'allarme dilaga perché questa manifestazione naturale sta crescendo, creando non pochi problemi. Il surriscaldamento globale è determinato da diversi fattori, tra i quali le attività umane, come la coltivazione, il consumo di energia e la cementificazione, tanto che le città sono responsabili del 71% delle emissioni di gas serra.

Uno degli ultimi studi, però, basato sull'analisi di cento grandi città in trentatre nazioni, dice che che le grandi città con trasporti pubblici efficienti e molto utilizzati producono meno emissioni delle cittadine più isolate e dei piccoli centri. Per esempio, la città di Denver genera emissioni pro capite doppie rispetto a New York, che è gremita da otto milioni di abitanti ma dispone una metropolitana efficace per i movimenti da una parte all'altra della città.

Sempre Denver origina 21.5 tonnellate di diossido di carbonio pro capite, valore molto più alto rispetto a Shanghai (11.2 tonnellate), Parigi (5.2) e Atene (10.4).Il record negativo lo detiene Rotterdam, nei Paesi Bassi con le sue 29.8 tonnellate di CO2 pro capite. Per confermare questa teoria sono stati controllati tre quartieri di Toronto: le più alte emissioni provenivano proprio dai sobborghi, zone distanti dal centro e non collegate con i centri commerciali, che obbligano i residenti a utilizzare l'automobile.

Scritto da: Alice Ajmar

Photo credits: http://www.flickr.com/photos/freefoto/2759629888/

28 gennaio 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us