Innovazione

Davvero la Marina Usa aveva captato il suono dell'implosione del Titan? In che modo?

La Marina Usa avrebbe captato l'implosione del Titan vicino al relitto del Titanic grazie a un sistema di microfoni sottomarini installati durante la Guerra Fredda.

Per quattro giorni il mondo ha atteso notizie circa le sorti dei cinque occupanti del Titan, il sommergibile della OceanGate Expeditions che era sceso nelle profondità dell'Oceano Atlantico Settentrionale domenica 18 giugno per una costosissima visita turistica al relitto del Titanic. 96 ore, infatti, sarebbero dovute durare le riserve di ossigeno del mezzo anfibio, senza considerare tutta una serie di ulteriori insidie che assottigliavano, ora dopo ora, le speranze di ritrovare in vita l'equipaggio. Eppure, c'era qualcuno che probabilmente già conosceva il triste destino del batiscafo e dei suoi occupanti, il tutto grazie a una tecnologia inaugurata settant'anni fa. Ma è andata davvero così?

A tutto Orecchie. Nei primissimi anni della Guerra Fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica, la Marina statunitense posizionò una rete di idrofoni (microfoni sottomarini) sul fondo dei due oceani (Atlantico e Pacifico) che bagnano le coste americane. Questo sistema si chiama SOSUS (Sound Surveillance System), era ufficialmente finalizzato alle ricerche oceanografiche, ma il vero scopo era quello di rilevare minacce belliche, soprattutto l'avvicinamento di sottomarini sovietici.

Nei decenni successivi il SOSUS è stato potenziato grazie all'utilizzo di navi SURTASS (Surveillance Towed Array Sensor System) le quali, collegandosi ai sensori acustici sottomarini, hanno dato vita a un più efficace sistema di rilevamento, noto come IUSS (Integrated Undersea Surveillance System).

Disastro annunciato. Intervistato dal Wall Street Journal negli scorsi giorni, un anonimo alto ufficiale della Marina degli Stati Uniti ha riferito che il suono dell'implosione del Titan sarebbe stato rilevato dalle strumentazioni militari il 18 giugno, in un orario compatibile con la perdita dei contatti tra il sommergibile e la nave Polar Prince, 105 minuti dopo l'inizio della discesa, quando il mezzo si trovava a circa 3.000 metri di profondità (il relitto del Titanic giace a 3.810 metri sul fondo dell'Atlantico). A corroborare questa tesi c'è l'informazione riportata da abc News, che la Guardia Costiera Statunitense ha informato le famiglie dei membri dell'equipaggio del Titan circa la ricezione del segnale ben prima che la notizia divenisse di dominio pubblico giovedì 22 giugno.

Obsoleto, ma ancora efficiente. Nonostante l'esistenza del SOSUS sia un fatto noto fin dagli anni Settanta grazie alla declassificazione di una serie di informazioni segrete, l'ubicazione dei sensori resta ancora un'informazione riservata. A fornire delucidazioni è stato invece Bryan Clark, esperto di Difesa presso l'Hudson Institute: «Anche se oggi l'efficacia del sistema è diminuita a causa dei silenziosissimi sottomarini russi e cinesi di ultima generazione – spiega Clark – dovrebbe senz'altro essere in grado di rilevare un suono forte come quello prodotto da un'implosione».

30 giugno 2023 Simone Valtieri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us