Innovazione

Ma davvero una Tesla ha portato il suo guidatore in ospedale?

La storia della Tesla che ha accompagnato in ospedale il suo proprietario, percorrendo 20 km e parcheggiando davanti al pronto soccorso è una trovata pubblicitaria?

L'11 aprile 2024 il produttore televisivo statunitense Max Paul Franklin ha pubblicato su X.com, un post che ha fatto molto discutere, raccontando cosa gli era capitato la notte tra 1 e 2 aprile. Alle 2 del mattino, trovandosi alle prese con un lieve malanno causato dal malfunzionamento della pompa dell'insulina, Max ha chiesto alla sua Tesla Model Y, dotata di sistema FSD (Full Self-Driving, ossia "a guida completamente autonoma"), di accompagnarlo in ospedale. Detto fatto, l'auto avrebbe percorso senza intoppi l'itinerario di 13 miglia (circa 20 km), parcheggiandosi davanti al pronto soccorso ed evitandogli ulteriori complicazioni di salute.

Elogi eccessivi. La storia pubblicata dal sig. Franklin prosegue con vari apprezzamenti nei confronti dell'auto (tra cui uno di elogio sui consumi che nulla ha a che vedere con il racconto), dell'azienda ("migliore di Porsche, Mercedes, BMW, Acura e Cadillac") e del signor Musk (guarda caso, proprietario sia del social network X sia del marchio Tesla). Quest'ultimo ha prontamente risposto dicendosi lieto che il sistema FSD fosse "lì per aiutare".

Puzza di pubblicità. Tutta questa auto-promozione ha portato parecchi utenti a storcere il naso circa la veridicità della notizia. D'altra parte nel 2023 l'FSD finì sotto inchiesta da parte del Dipartimento di Giustizia Americano per via dei numerosi incidenti avvenuti nella fase sperimentale, che portarono al richiamo in fabbrica di circa 360mila automobili nei soli Stati Uniti (Da allora, va detto, diversi aggiornamenti del software, giunto alla versione beta numero 12, sembrerebbero aver risolto alcune criticità). Ma stiamo parlando di una storia vera o di una invenzione pubblicitaria?

News o Fake News? Al momento, non ci sono elementi che facciano pensare a una fake news, ma almeno un paio di indizi spingono a credere che i fatti possano essere stati quantomeno un po' gonfiati. Per prima cosa l'FSD, rilasciato in prova il mese scorso da Tesla su tutti i modelli abilitati, non è ancora completamente autonomo e richiede che il guidatore sia vigile e mantenga sempre il contatto con il volante, come specificato sul sito del costruttore.

Nel racconto questo viene omesso, spingendo a pensare che l'auto avesse fatto tutto da sola e che il "passeggero" potesse essere stato in condizioni di incoscienza (d'altra parte, è proprio così che hanno riportato la notizia alcuni mezzi d'informazione). C'è poi una seconda circostanza dubbia: quattro giorni dopo, in data 14 aprile, lo stesso account sig. Franklin ha postato un messaggio molto simile a una pubblicità occulta, nel quale spiega di aver sottoscritto l'abbonamento al sistema FSD per 99 dollari, aggiungendo di non poterne più fare a meno.

Déjà vù. Un terzo indizio è che le fonti giornalistiche più accreditate, dalla BBC alla CNN, dalla Reuters all'Ansa, non hanno riportato la notizia. Il che non vuol dire necessariamente che essa non sia vera (è possibile che l'abbiano derubricata a mera curiosità o a pezzo clickbite). D'altra parte, già nell'agosto di otto anni fa i mezzi di informazione pubblicarono una storia molto simile, quella di un signore di nome Joshua Neally di Springfield (Missouri), che stava tornando a casa dal suo studio legale quando, avvertito un forte dolore al petto, ha deciso di affidarsi al pilota semi-automatico della sua nuovissima Tesla Model X.

Il software, una versione ben più primitiva del FSD, lo ha condotto per 20 miglia lungo l'autostrada, mentre dallo svincolo in poi il sig. Neally ha dovuto raccogliere le forze e completare da sé il percorso fino all'ospedale. La differenza sostanziale con l'episodio del sig. Franklin sta nel fatto che allora Tesla non commentò la vicenda.

30 aprile 2024 Simone Valtieri
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us