Innovazione

Locuste cyborg a caccia di esplosivi

La US NAVY finanzia un progetto che sembra uscito da un film di fantascienza: trasformare le locuste in cyborg teleguidati e capaci di riconoscere gli eslosivi.

Le locuste sono considerate una piaga a causa della loro voracità (o uno spuntino, in qualche parte del mondo). Adesso potrebbero diventare anche le migliori alleate dell’uomo nella lotta al terrorismo. Un team di ricercatori dell’università di St. Louis sta infatti progettando di trasformare questi insetti in cyborg capaci di fiutare la più piccola traccia di esplosivo anche in luoghi difficilmente accessibili a uomini, cani addestrati e robot convenzionali.

Nasi con le ali. Le antenne delle locuste sono ricche di sensori in grado di captare e riconoscere gli odori, anche quando sono mescolati tra loro. Baranidharan Raman e i suoi colleghi hanno "addestrato" alcuni insetti a reagire all’odore di esplosivo e hanno impiantato nel loro cervello dei minuscoli elettrodi che intercettano i segnali elettrici inviati dall’antenne.

Quando questi segnali corrispondono a quelli della percezione dell'esplosivo, fanno accendere un led attaccato alla schiena della locusta. Un piccolo trasmettitore, sempre posizionato sulla schiena dell’animale, invia a un computer tutta l’attività cerebrale dell’insetto.

Pilotare le locuste. I ricercatori sono riusciti a realizzare anche un sistema per “tele-guidare” la locusta e mandarla dove serve: hanno rivestito le ali dell’animale con uno speciale tessuto extrasottile che converte la luce in calore. Quando l’operatore vuole fare cambiare direzione all'insetto, non deve fare altro che illuminare una delle ali con uno speciale laser.

Il progetto è stato finanziato dalla Marina Militare Usa con uno stanziamento di 750.000 dollari. Se tutto andrà secondo piani Raman riuscirà a realizzare il primo prototipo funzionante di cyber locusta entro un anno, ed entro due la locusta artificiere potrebbe essere operativa.

8 luglio 2016 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 31,90€
Follow us