Innovazione

L’iPhone 4 è l’ultimo melafonino secondo Jobs

Steve Jobs: No nuovo iPhone.

Arriva dal sito statunitense satiritron.com (già il nome fa venire qualche sospetto) una notizia sconcertante riguardo il nuovo modello tanto atteso dell’iPhone 5.

Il sito ha pubblicato uno scambio di e-mail tra il CEO Apple, Steve Jobs, e Maria Jenkowicz una fantomatica ragazza 32enne di Vancouver appassionata di Apple ed in particolare di iPhone.

Nella prima e-mail la ragazza chiede al CEO spiegazione sul ritardo nell’uscita del nuovo melafonino sottolineando la sua impazienza soprattutto riguardo la tecnologia NFC.

Dopo qualche giorno dall’invio ecco la risposta in pieno stile Jobs, criptica e concisa: “We're not making an iPhone 5. Ever.” (Noi non stiamo facendo un iPhone 5. Mai.).

Sorpresa della risposta Maria ha immediatamente risposto all’e-mail di Jobs chiedendo le motivazioni di questa decisione ed in pochi minuti ecco apparire la risposta del CEO.

Nell’e-mail, stavolta meno concisa, il CEO spiega come l’iPhone 4 sia il telefono perfetto, privo di difetti e che non sarà mai possibile creare un telefono migliore, concludendo con la frase: “We all will age and die, but the iPhone 4 is forever.” (Tutti noi invecchiamo e moriamo, ma l’iPhone 4 è per sempre.)

Letto velocemente il post caricato su satiritron.com farebbe cadere dalla sedia chiunque ami l’iPhone e non vede l’ora che esca la nuova versione ma state tranquilli è solo uno scherzo (forse di pessimo gusto).

Purtroppo ancora non si hanno certezze sull’uscita del nuovo iPhone 5 ma non è da Apple farsi scappare un business come quello degli smartphone lasciando padroneggiare Android!

Guarda la storia dell'iPhone:

12 aprile 2011 Daniele Perotti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us