Innovazione

L’Innalzamento dei livelli delle acque trasforma gli isolani di Panama in rifugiati ambientali

Nuovo disastro ambientale.

Chi l’avrebbe mai detto che tra i primi rifugiati ambientali ci sarebbero stati i cittadini di Panama? Ed invece, prima delle Maldive e delle Fiji, alcune tra le isole più a rischio al mondo, e prima di alcuni Paesi in via di Sviluppo, è Panama lo stato oggi più in crisi a causa dell’innalzamento dei livelli dell’acqua.

Secondo una nota riportata dalla Reuters, la combinazione tra i venti stagionali, alcune forti tempeste che hanno messo in ginocchio le isole e l’innalzamento dei livelli delle acque, non lasciano agli abitanti nessun’altra scelta se non quella di abbandonare le proprie abitazioni. In particolare, la situazione è critica per gli abitanti di Carti Sugdub, una delle isole a Nord Est di Panama: i suoi 2000 abitanti, stanchi di venire sommersi dall’acqua più volte durante questi ultimi mesi, hanno pianificato un trasferimento a mezz’ora di cammino dalle spiagge, dichiarandosi rifugiati ambientali, cittadini costretti a trasferirsi a causa dei cambiamenti climatici.

Il livello delle acque è cresciuto di circa 17,8cm negli ultimi 100 anni e si stima che si avrà un ulteriore innalzamento, fino a 58,4cm entro il 2100. L’episodio di Panama è solo il primo di una lunga serie, perché tra i Paesi più a rischio ci sono non solo gli Stati membri dell’Associazione delle Piccole Isole, più esposte al problema dell’innalzamento delle acque, ma anche grandi Nazioni comunque vulnerabili. I Paesi i cui cittadini corrono il rischio in un futuro prossimo di diventare rifugiati ambientali sono la Cina, l’India ed il Bangladesh, il Vietnam, l’Indonesia, il Giappone, l’Egitto e gli Stati Uniti, per un totale di 643milioni di persone a rischio, di cui gli isolani di Panama non sono che una minima parte.

Scritto da Missunderstanding

14 luglio 2010 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us