Tecnologia

Un appello contro l'uso di armi controllate da un'intelligenza artificiale

Esperti, scienziati e intellettuali chiedono al mondo di scongiurare un serio pericolo per il progresso e per l'umanità: l'uso di armi controllate da macchine o dotate di intelligenza artificiale.

Scienziati e intellettuali di tutto il pianeta hanno firmato una lettera aperta presentata durante l'IJCAI-15, la Conferenza Internazionale sull'Intelligenza Artificiale (Buenos Aires, 25-31 luglio 2015): l'appello chiede ai governi di scongiurare la proliferazione di armi controllate da macchine.

I nomi. Tra i firmatari ci sono oltre 2000 ricercatori nell'ambito della robotica e dell'intelligenza artificiale. Un nome fra tutti: Stuart Russell, docente a Berkeley e autore di un manuale di riferimento per la materia (Artificial Intelligence: a Modern Approach). Accanto agli specialisti ci sono anche le firme di più di 10mila persone, fra le quali nomi del calibro di Stephen Hawking, Noam Chomsky e Steve Wozniak.

I Kalashnikov del futuro. La preoccupazione principale dei firmatari è il rischio di una nuova corsa agli armamenti, ancora più pericolosa di quella nucleare perché meno costosa e complessa da perseguire, dunque più facilmente utilizzabile da terroristi, dittatori, signori della guerra. È allora responsabilità delle grandi potenze non dare il via a questo fenomeno, «altrimenti una corsa globale agli armamenti sarebbe inevitabile e le armi autonome diventeranno il Kalashnikov del domani».

L'opinione pubblica. C'è una seconda preoccupazione: la maggior parte degli scienziati non ha intenzione di costruire armi e teme che i benefici sociali dell'intelligenza artificiale possano essere messi in secondo piano se la sua applicazione in campo militare provocherà una reazione negativa da parte dell'opinione pubblica.

31 luglio 2015 Aldo Fresia
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Le sfide della Chiesa per tutelare la propria autonomia e i suoi territori. A colpi di alleanze, scomuniche, guerre, ma anche preziose committenze ai più grandi artisti del Rinascimento, ecco come i pontefici sono stati protagonisti di secoli di storia. E ancora: quando, 100 anni fa, l'Irlanda venne divisa in due; origini, regole e curiosità degli scacchi; perché le legioni romane erano imbattibili.

 

ABBONATI A 29,90€

Quale incredibile processo ha fatto nascere la vita sul nostro pianeta? Tutte le ultime ipotesi scientifiche. Inoltre: i numeri e le mappe della pandemia che ci ha cambiato nel 2020 e cosa ci aspetta nel 2021; le nuove frontiere del cinema; i software che ci identificano in base al modo di camminare; il sesso strano del mondo animale.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us