Innovazione

Un appello contro l'uso di armi controllate da un'intelligenza artificiale

Esperti, scienziati e intellettuali chiedono al mondo di scongiurare un serio pericolo per il progresso e per l'umanità: l'uso di armi controllate da macchine o dotate di intelligenza artificiale.

Scienziati e intellettuali di tutto il pianeta hanno firmato una lettera aperta presentata durante l'IJCAI-15, la Conferenza Internazionale sull'Intelligenza Artificiale (Buenos Aires, 25-31 luglio 2015): l'appello chiede ai governi di scongiurare la proliferazione di armi controllate da macchine.

I nomi. Tra i firmatari ci sono oltre 2000 ricercatori nell'ambito della robotica e dell'intelligenza artificiale. Un nome fra tutti: Stuart Russell, docente a Berkeley e autore di un manuale di riferimento per la materia (Artificial Intelligence: a Modern Approach). Accanto agli specialisti ci sono anche le firme di più di 10mila persone, fra le quali nomi del calibro di Stephen Hawking, Noam Chomsky e Steve Wozniak.

I Kalashnikov del futuro. La preoccupazione principale dei firmatari è il rischio di una nuova corsa agli armamenti, ancora più pericolosa di quella nucleare perché meno costosa e complessa da perseguire, dunque più facilmente utilizzabile da terroristi, dittatori, signori della guerra. È allora responsabilità delle grandi potenze non dare il via a questo fenomeno, «altrimenti una corsa globale agli armamenti sarebbe inevitabile e le armi autonome diventeranno il Kalashnikov del domani».

L'opinione pubblica. C'è una seconda preoccupazione: la maggior parte degli scienziati non ha intenzione di costruire armi e teme che i benefici sociali dell'intelligenza artificiale possano essere messi in secondo piano se la sua applicazione in campo militare provocherà una reazione negativa da parte dell'opinione pubblica.

31 luglio 2015 Aldo Fresia
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us