Innovazione

Un appello contro l'uso di armi controllate da un'intelligenza artificiale

Esperti, scienziati e intellettuali chiedono al mondo di scongiurare un serio pericolo per il progresso e per l'umanità: l'uso di armi controllate da macchine o dotate di intelligenza artificiale.

Scienziati e intellettuali di tutto il pianeta hanno firmato una lettera aperta presentata durante l'IJCAI-15, la Conferenza Internazionale sull'Intelligenza Artificiale (Buenos Aires, 25-31 luglio 2015): l'appello chiede ai governi di scongiurare la proliferazione di armi controllate da macchine.

I nomi. Tra i firmatari ci sono oltre 2000 ricercatori nell'ambito della robotica e dell'intelligenza artificiale. Un nome fra tutti: Stuart Russell, docente a Berkeley e autore di un manuale di riferimento per la materia (Artificial Intelligence: a Modern Approach). Accanto agli specialisti ci sono anche le firme di più di 10mila persone, fra le quali nomi del calibro di Stephen Hawking, Noam Chomsky e Steve Wozniak.

I Kalashnikov del futuro. La preoccupazione principale dei firmatari è il rischio di una nuova corsa agli armamenti, ancora più pericolosa di quella nucleare perché meno costosa e complessa da perseguire, dunque più facilmente utilizzabile da terroristi, dittatori, signori della guerra. È allora responsabilità delle grandi potenze non dare il via a questo fenomeno, «altrimenti una corsa globale agli armamenti sarebbe inevitabile e le armi autonome diventeranno il Kalashnikov del domani».

L'opinione pubblica. C'è una seconda preoccupazione: la maggior parte degli scienziati non ha intenzione di costruire armi e teme che i benefici sociali dell'intelligenza artificiale possano essere messi in secondo piano se la sua applicazione in campo militare provocherà una reazione negativa da parte dell'opinione pubblica.

31 luglio 2015 Aldo Fresia
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us