Innovazione

Dal legno il vetro del futuro

Un nuovo materiale super tecnologico, di origine vegetale e rispettoso dell'ambiente potrebbe presto sostituire il vetro tradizionale in edilizia.

Un nuovo materiale trasparente come il vetro, ottenuto dalla lavorazione del legno, potrebbe diventare il cuore dei serramenti del futuro. Questo speciale polimero di origine vegetale è stato messo a punto da Junyong Zhu, un ricercatore del Forest Product Laboratory del governo americano, in collaborazione con le Università del Maryland e del Colorado. Il vetro vegetale è ottenuto immergendo in uno speciale bagno di cloro dei pannelli molto sottili di legno di balsa a bassa densità. Una volta sbiancate, le lastre vengono compenetrate da un polimero vinilico che conferisce loro robustezza e trasparenza.

Meglio del vetro. In laboratorio questo nuovo materiale supera il vetro da ogni punto di vista: è più leggero del vetro, più resistente, ed è 5 volte più efficiente nell'isolare dal caldo e dal freddo. Sembra insomma il materiale ideale per l'edilizia - e, secondo i ricercatori, il suo vero punto di forza è l'essere davvero green. Il vetro tradizionale è estremamente energivoro e la sua produzione causa l'immissione nell'atmosfera di oltre 25.000 tonnellate di CO2 l'anno. Al contrario il nuovo polimero è ottenuto da fonti rinnovabili e la sua produzione è compatibile già oggi con processi e impianti industriali esistenti.

23 ottobre 2020 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us