Nebbia da bere

42-25919628
Nebbia deserto |
Un team di ricercatori americani sta lavorando a sistemi sempre più efficienti per estrarre acqua dalla nebbia e dalle brume mattutine. Ne potranno beneficiare i paesi più assetati ma anche il mondo occidentale. Con numerosi vantaggi per l'ambiente. (Focus.it, 2 maggio 2011)

Non hanno l’acqua? Bevano la nebbia. È più o meno questa la sintesi di un recente studio del MIT, dove un team di ricercatori sta mettendo punto sistemi sempre più evoluti per condensare nebbie costiere e brume mattutine e ottenere così acqua potabile.
L’idea di Shreerang Chhatre e dei suoi colleghi, dal punto di vista concettuale, è molto semplice: attrarre l’umidità, intrappolarla e far sì che le goccioline di acqua sospese nell’aria si uniscano una all’altra.

Cacciatori di nebbia
L'idea non è del tutto nuova: impianti simili sono già utilizzati da più di 30 anni in Chile, Perù, Ecuador e Guatemala. Si tratta di grandi reti di nylon o polipropilene che intrappolano e fanno condensare l’umdità sospesa nell’aria. (vedi il video qui sotto)


Non solo Africa

 

2 maggio 2011