Focus

Le regine dei mari

Sono lunghe come 3 o più campi da calcio, alte come palazzi di quasi 30 piani e pesanti come 100.000 elefanti: sono le regine dei mari, navi passeggeri, petroliere, portacontainer e portaerei dalle dimensioni eccezionali che solcano quotidianamente le acque del nostro pianeta. 

Un addetto alla sicurezza del porto di Cazumel, in Messico, al lavoro su un molo tra la Allure of The Seas (a destra) e la Voyager.
Al momento del varo, il 20 novembre del 2009 la Allure of The Seas era la nave passeggeri più grande del mondo: 225.000 tonnellate di peso per 361 metri di lunghezza. Costata oltre 1 miliardo di euro, può ospitare fino a 6400 persone nelle sue 2700 cabine.

25 ristoranti, 1 campo da basket, 1 parco acquatico e 2300 membri di equipaggio garantiscono crociere da sogno.

La Freedom of the Seas entra nel porto di Amburgo. Varata nel 2005, era all'epoca la più grande navi passeggeri del mondo: 155.000 tonnellate di peso, 338 metri di lunghezza e 63 di altezza le consentirono di strappare il primato al transatlantico britannico Queen Mary 2.

Come si costruisce una nave da crociera? Focus.it è andato a vedere

La Queen Mary 2, della Cunard Line, è stata la più grande nave passeggeri al mondo fino al varo della Freedom of the Seas.

Lunga 345 metri e larga 41, effettua un servizio di linea tra Southampton (Regno Unito) e New York collegandole in soli 7 giorni.

Più pesante delle comuni navi da crociera, è costruita con molto più acciaio così da essere particolarmente stabile anche nelle condizioni di mare più avverse: la nave è infatti in grado di attraversare l'oceano in ogni periodo dell'anno.

Se decidete di regalarvi un viaggio su questa nave prestate particolare attenzione al guardaroba: nei 15 ristoranti della Queen Mary 2 vige infatti un rigorosissimo dress code per  ogni serata di navigazione

Definirlo yacht sembra riduttivo. Infatti l'Azzam, con i suoi 180 metri di lunghezza, è il panfilo privato più grande del mondo.

Inaugurato nell'aprile del 2013 è costato circa 500 milioni di euro. Dispone di un salone principale lungo 29 metri e largo 18 (praticamente come un campo da pallacanestro regolamentare), completamente sgombro da pilastri e colonne.

Costa Concordia: tutto quello che c'è da sapere sul più grande recupero navale mai tentato

Lungo "soli" 162,5 metri, l'Eclipse è il fratello più piccolo di Azzam e il secondo yacht privato più grande del mondo. Di proprietà del magnate russo Roman Abramovich è costato circa 800 milioni di euro.

I numeri di Eclipse sono impressionanti: 70 membri di equipaggio, 36 passeggeri, 27 cabine, 3 elicotteri, 2 eliporti, 1 discoteca, una piscina coperta di 16 metri, un minisommergibile.

E per garantire la sicurezza degli occupanti la nave è dotata di un sistema di difesa missilistico

La Maersk MC-Kinney Moller, la più grande nave porta container del mondo, entra nel porto di Rotterdam.

Nonostante le dimensioni, 400 metri di lunghezza e una capacità di carico di 18.000 container, questa nave è una delle poche a potersi fregiare dello standard Tripla E (Economie di scala, Efficienza energetica e rispetto per l'ambiente): è infatti la meno assetata di carburante e quella con le più basse emissioni di CO2 attualmente in navigazione tra quelle della sua classe.

Perché le navi non affondano per il peso?
10 cose che forse non sai sulle navi da trasporto

La USS Enterprise è stata, fino allo scorso mese di marzo, la nave dei record. E' stata infatti la prima portaerei al mondo ad utilizzare la propulsione nucleare e con i suoi 342 metri di lunghezza è stata la nave da guerra più grande del mondo. Ed avendo prestato servizio per ben 51 anni, dal 1958 al 2013, è stata anche la più longeva della sua classe.

La Enterprise è stata protagonista di numerosi eventi storici del XX secolo, tra cui la crisi dei missili a Cuba del 1962, la Guerra del Vietnam, la Guerra del Golfo.
Per decisione dell'amministrazione Obama è stata mandata al disarmo nel marzo del 2013.

Dove vanno a morire le grandi navi? Molti finiscono in Bangladesh, nell'inferno di Chittagong

In questa foto del 1964 gli uomini della prima task force nucleare di terra della Marina Militare Americana formano la scritta e=mc2, la formula fisica che permette alla loro nave, la portaerei nucleare USS Enterprise, di muoversi.

Con un equipaggio di 4500 uomini e 1500 aviatori, la USS Enteprise poteva ospitare fino a 90 aerei da combattimento.

Nella collezione dei colossi del mare non poteva mancare il Titanic, il gioello della White Star affondato il 14 aprile 1912 al largo di Terranova durante il viaggio inaugurale.

Dei 2228 passeggeri a bordo solo 705 sopravvissero al tremendo scontro con un iceberg. Fatale fu la carenza di scialuppe e delle più banali dotazioni di sicurezza.

Una copia del Titanic tornerà a navigare nel 2016

Ma quale sarà il futuro della navigazione? Secondo alcuni torneremo alle navi a vela. Pionieri di questo ritorno al passato i progettisti dello studio norvegese Lade AS, che hanno recentemente presentato Vindskip, un concept navale rivoluzionario dallo scafo così grande da poter essere utilizzato come vela.

Il profilo della nave è infatti così alto da prendere il vento e consentire una riduzione dei consumi e delle emissioni stimata tra il 60 e l'80% rispetto a una nave convenzionale.

Un computer controlla costantemente direzione e intensità del vento e corregge la rotta della nave di conseguenza, così da garantire sempre la miglior efficienza.

Un addetto alla sicurezza del porto di Cazumel, in Messico, al lavoro su un molo tra la Allure of The Seas (a destra) e la Voyager.
Al momento del varo, il 20 novembre del 2009 la Allure of The Seas era la nave passeggeri più grande del mondo: 225.000 tonnellate di peso per 361 metri di lunghezza. Costata oltre 1 miliardo di euro, può ospitare fino a 6400 persone nelle sue 2700 cabine.

25 ristoranti, 1 campo da basket, 1 parco acquatico e 2300 membri di equipaggio garantiscono crociere da sogno.