Innovazione

Le Google car stanno studiando i ciclisti

I veicoli autonomi stanno imparando a predire le mosse di chi viaggia su due ruote, interpretandone i gesti della mano. Una dote che spesso manca ai conducenti in carne e ossa.

In città, quello tra ciclisti e automobilisti non è proprio un rapporto idilliaco. Ma i veicoli di ultima generazione stanno lavorando per arrivare sulla strada preparati, e avviare con le bici una convivenza pacifica. In base all'ultimo rapporto di Big G sui progressi delle Google car, le auto senza pilota starebbero imparando a predire i comportamenti dei ciclisti, e a interpretare i gesti che questi fanno con le mani (come quello che anticipa una svolta).

Grazie ai sistemi di machine learning, i veicoli stanno apprendendo dagli incontri con chi viaggia su due ruote, e potranno mettere a frutto le conoscenze acquisite. I sensori consentono una visuale a 360 gradi intorno al veicolo, anche di notte: è così possibile identificare i movimenti del ciclista e persino la tipologia di bici (ruote grandi o piccole, tandem o altro).

Caute. Le Google car stanno imparando a confrontarsi anche con situazioni critiche, come la presenza, davanti a esse, di un ciclista che stia passando accanto a un'auto parcheggiata, con il conducente in procinto di aprire la portiera. In questi casi, i veicoli autonomi sono programmati per rallentare o scostarsi, e permettere al ciclista di tenersi al sicuro. Stanno imparando inoltre a non stringere le bici ai lati della strada, anche quando le due ruote avrebbero spazio a sufficienza.

Imprevisti. Anche se preparate, le Google car non sono immuni da errori. Lo scorso autunno ad Austin, Texas, un veicolo autonomo è rimasto confuso da un ciclista che ha compiuto una track stand (manovra che implica il rimanere in equilibrio sui pedali), a un semaforo. L'auto robotica non ha riconosciuto la mossa ed è andata in tilt, bloccandosi al centro dell'incrocio per diversi minuti.

7 luglio 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us