Innovazione

L’aria condizionata fa bene o male?

Rinfrescati o congelati? La scienza risponde.

Salva vite, ma causa malanni. Rende più produttivi, ma inquina. Rinfrescati o congelati? La scienza risponde. Ecco a confronto due punti di vista diversi, pro e contro, le due facce della medaglia.

Aria condizionata, perché sì

Anziani. Durante le ondate di calore l’aria condizionata è un salvavita: nelle comunità con più condizionatori gli ultra 65enni Perché il 17% di ricoveri in meno per patologie cardiovascolari e respiratorie rispetto alle comunità con meno condizionatori. In una casa di riposo in Florida in 4 giorni di rottura dell’impianto di condizionamento la temperatura è salita a 31 °C: 21 pazienti su 89 hanno avuto un episodio di iperpiressia con febbre da calore oltre 38 °C e 5 ne sono deceduti.

Bambini. Consigliata dal 69% dei pediatri per i bambini piccoli, che hanno difficoltà di termoregolazione.

Lavoro. Se sono richieste abilità numeriche, controllo di dati e pensiero creativo la temperatura ideale è 20 °C, hanno dimostrato i ricercatori della National University of Singapore. A 24 °C la produttività scende del 15% e gli errori aumentano del 25%. Un altro studio sulla produttività, condotto da ricercatori finlandesi e statunitensi, ha dimostrato che aumenta progressivamente a partire da 20,5 con il picco massimo a 21,6 °C.

in auto. Il condizionatore migliora l’aria nell’abitacolo: uno studio su tre auto di marca e tipo diversi ha dimostrato che l’aria condizionata riduce i microrganismi dell’81,7%, le spore di funghi dell’83,3%, il particolato dell’87,8%, con riduzione del rischio di crisi allergiche senza differenze fra marche e tipo dell’auto.

Aria condizionata, perché no


Salute. Il getto diretto delle bocchette dell’aria condizionata può causare tracheiti, bronchiti, torcicollo, otiti, mal di testa e di schiena. Inoltre c’è il rischio di polmoniti da batteri che crescono nei filtri degli apparecchi vecchi. L’eccessiva deumidificazione dell’aria può associarsi a disagi oculari, pruriti e arrossamenti soprattutto per chi fissa a lungo lo schermo del pc o indossa lenti a contatto morbide che tendono a seccarsi.

Economia. Per tenere al fresco la propria abitazione è meglio isolare lo stabile e gli infissi, schermare le finestre dall’esterno con oscuranti, consiglia Leon Glicksman del Mit di Boston. Ma soprattutto bisogna modificare le abitudini: ridurre l’uso di elettrodomestici (fornelli, ferri da stiro, phon) che creano calore; spegnere quelli in stand by (tv, radio, pc), aprire le finestre di notte, ricorrere alle pale a soffitto: rinfrescano in modo più economico e sano.

Lavoro. Fresco sì, ma senza esagerare. In estate triplicano i raffreddori da ufficio: per evitarli fra la temperatura ambientale e quella esterna non devono esserci più di 7 °C.

Certo, se fuori ci sono 50 °C, si può scendere, alla ricerca del benessere, non del freddo.

Ambiente. I gas refrigeranti danneggiano l’ambiente: quelli di prima generazione (Cfc, Hcfc) contengono cloro e sono causa del buco nell’ozono; gli Hfc sono gas serra e contribuiscono al riscaldamento terrestre. I condizionatori a propano richiedono personale specializzato per l’installazione e quindi sono più costosi.

20 giugno 2015
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us