Innovazione

L’alta tecnologia delle ali di farfalla

Dalle ali delle farfalle nuovi monitor ultrapiatti e altre applicazioni industriali.

L’alta tecnologia delle ali di farfalla
Dalle ali delle farfalle nuovi monitor ultrapiatti e altre applicazioni industriali.

Le strutture di chitina presenti sulle ali di alcune farfalle
potrebbero essere utilizzati per la realizzazione di
cosmetici e schermi ulttrapiatti di nuova generazione.

La farfalla, simbolo di grazia e leggerezza per eccellenza, da oggi potrebbe diventare anche simbolo delle più sofisticate tecnologie: un team di ricercatori americani ed europei sta infatti studiando questi insetti per scoprire in che modo si formano i coloratissimi disegni metallescenti che ornano le loro ali. Obiettivo della ricerca è quello di riuscire a riprodurre industrialmente queste sostanze e utilizzarle per la produzione di coloranti artificiali, cosmetici, ma anche monitor ultrapiatti di nuova concezione.

Sulle ali della luce
Gli scienziati guidati da Lazlo Biro, ingegnere dei materiali presso il Research Institute for Technical Physics and Materials Science di Budapest, per la prima volta, sono riusciti a misurare la struttura e le caratteristiche ottiche dei cristalli fotonici che si trovano sulle ali della Cyanophrys remus., una farfalla diffusa nel continente americano: si tratta di sostanze costituite da strutture che si ripetono identiche a se stesse una dopo l’altra, e la cui dimensione è paragonabile alla lunghezza d’onda della luce. La loro particolare conformazione fa sì che i raggi di luce si propaghino solo in certe direzioni e con certe frequenze, dando così vita a disegni dalle forme e dai colori ben definiti. I cristalli fotonici sono costituiti per lo più da chitina, un polisaccaride largamente diffuso negli insetti e in altri animali, e sono disposti sulle ali della farfalla come le tegole sul tetto di una casa.

Tecnicolor e metallizzate
Le ali dei maschi di Cyanophrys remus. sono di un brillante blu metallico su un lato, così da attrarre le femmine, e verde foglia sull’altro così da aiutare l’insetto a mimetizzarsi tra la vegetazione. Il microscopio elettronico ha rivelato agli scienziati come le due facce dell’ala siano formate da strutture fotoniche completamente diverse: il blu è dato da sequenze di singoli cristalli di chitina, mentre il verde è prodotto da aggregati dalla struttura irregolare. E proprio questi ultimi sono di particolare interesse per i ricercatori, poiché, a seconda della loro posizione rispetto alla luce, possono dar vita a colori diversi come il giallo, il verde, il blu e il rosso.

L’industria della farfalla
Obiettivo degli scienziati è quello di utilizzare i risultati di questo studio in applicazioni industriali come la produzione di coloranti o cosmetici dall’effetto metalizzato, ma privi di metalli pesanti e quindi assolutamente atossici, ma anche di sottilissimi monitor di nuova generazione, costituiti da cristalli fotonici in grado di cambiare colore a seconda dell’orientamento rispetto alla sorgente luminosa.

(Notizia aggiornata al 7 settembre 2006)

7 settembre 2006
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us