Tecnologia

Pelle (umana) fresca di stampa

Una rivoluzionaria tecnologia permetterà di curare ustioni e ferite stampando i pezzi di pelle mancanti direttamente sul paziente con una speciale stampante.

Progettare pezzi di pelle umana e di altri tessuti con un programma simile ad autocad e... stamparli con una speciale stampante 3D: non l’abbiamo visto in un film di fantascienza ma al convegno annuale della American Association for the Advancement of Science che si sta svolgendo in questi giorni a Washington DC.
La rivoluzionaria invenzione è stata presentata oggi da James Yoo della Wake Forest University School of Medicine di Winston-Salem, nel North Carolina, ed è già stata testata con successo su topi e maiali.

Toppe biotecnologiche
La macchina di Yoo effettua una scansione della ferita, per esempio un’ustione, determinandone esattamente forma, estensione e profondità. Questi dati vengono utilizzati per progettare in 3D il pezzo di pelle da sostituire che viene infine stampato direttamente sul paziente da una macchina del tutto analoga a una stampante inkjet: si tratta di una speciale bioprinter che al posto dell’inchiostro utilizza un cocktail di cellule umane della pelle, collagene e silicone.
Lo studio è stato finanziato e voluto dal Dipartimento americano della Difesa. Il 30% dei feriti in combattimento riporta anche gravi ustioni: poterli soccorrere sul campo con apparecchiature di questo tipo, aiuterebbe a contenere il rischio di infezioni e la perdita di fluidi che spesso accompagnano le bruciature.
Attualmente gli scienziati sono in grado di stampare pezzi di pelle di 10x10 centimetri e hanno già testato con successo la produzione di tessuti semplici come quelli cartilaginei.

Dal 2D al 3D
Concettualmente questa tecnologia potrebbe permettere la progettazione e la stampa di interi organi: dovrebbero essere realizzati da strati di cellule diverse sovrapposti uno all’altro fino all'ottenimento della forma desiderata.
Poter costruire organi su richiesta, oltre che risolvere il problema dei trapianti, permetterebbe di effettuare studi clinici e test farmacologici con grande facilità. Ma anche se gli scienziati sono ottimisti, lo stato dell’arte della tecnologia non permette ancora di realizzare a macchina elementi complessi come un cuore o un fegato.

In questo video, in inglese, la presentazione del progetto e la stampante al lavoro.

23 febbraio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us