Innovazione

La spugna riutilizzabile che cattura il petrolio

Può assorbire fino a 90 volte il suo peso in greggio sversato e, soprattutto, si può strizzare e riutilizzare più volte, diversamente da altri materiali impiegati per lo stesso scopo.

Che cosa c'è di più utile di una spugna che assorbe il petrolio sversato? Un materiale che dopo aver catturato il greggio, lo possa anche restituire: una schiuma polimerica ideata dall'Argonne National Laboratory dell'Illinois si può impregnare di una quantità di idrocarburi pari a 90 volte il suo peso, per poi essere strizzata, proprio come una spugna, rimettendo a disposizione il petrolio assorbito.

Rivestimento speciale. La maggior parte dei prodotti commerciali per ripulire il mare dal greggio sono pensati per uso singolo, simile a quello che si fa, in cucina, della carta assorbente. Una volta inzuppati, si bruciano. Ma la nuova schiuma in materiali plastici (poliuretano e poliimmidi) è rivestita di molecole di un composto chimico (il silano) che attira il petrolio in quantità accuratamente studiata.

Se fosse poco comprometterebbe il potere assorbente della spugna. In dosi eccessive, le impedirebbe di restituirlo una volta strizzata. L'equilibrio ideale è stato raggiunto, come ha dimostrato un test sul campo.

Prove generali. Tappeti di questo materiale con un'area di 6 metri quadrati sono stati adagiati in un'apposita piscina usata per le simulazioni di sversamenti di greggio. Hanno assorbito molto meglio di altre schiume polimeriche non trattate e dei normali materiali assorbenti. Inoltre, una volta strizzati in apposite presse, hanno restituito il carico di greggio. Resta da capire come potrebbero comportarsi nelle condizioni di pressione caratteristiche dei mari profondi.

9 marzo 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us