Innovazione

La risposta di Greenpeace al nucleare:investire sul rinnovabile

Greenpeace a sostegno del rinnovabile.

Come è noto, si è chiuso il referendum popolare del 12-13 Giugno ed è stato raggiunto il quorum, fondamentale ai fini della validazione: hanno trionfato i "Sì", i quali non sono mai scesi sotto il 94% in nessuno dei 4 quesiti. Tra i tanti che hanno festeggiato questo risultato, ci sono anche tutti coloro che hanno a cuore la Natura e che non vogliono nuove centrali nucleari in Italia. Tra questi c'è Greenpeace, la più famosa associazione ambientalista, la quale lancia un'iniziativa che apre le porte alle fonti di energia rinnovabili nel nostro Paese.

Il piano nucleare del Governo prevedeva la realizzazione di 10 reattori, il cui costo ammontava a 60 miliardi di Euro: una cifra importante, che Greenpeace ha proposto di investire "nel settore delle rinnovabili e dell'efficienza energetica, che possono produrre più del doppio di energia elettrica e creare dieci volte più posti di lavoro". L'associazione spiega che investendo tale cifra in sola energia eolica, per fare un esempio, si potrebbe creare energia sufficiente per il fabbisogno di 4 regioni italiane del calibro di Piemonte, Toscana, Lazio e Sicilia. Inoltre, questa soluzione porterebbe alla creazione di 70mila posti di lavoro in dieci anni: niente male! Aslihan Tumer, responsabile della campagna Energia di Greenpeace International, sottolinea come il risultato del referendum ponga l'Italia come terzo Paese del G8 ad aver cancellato l'energia nucleare dai propri progetti energetici.

Tumer afferma inoltre che "tutti i Paesi del mondo devono prendere atto che l'energia dell'atomo è arrivata al capolinea": speriamo che al tempo stesso ci sia chiarezza sulle strade giuste da percorrere.

Guarda queste foto sugli spettacoli della Natura

14 giugno 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us