Innovazione

La pelle sensibile del robot

I sensori tattili che forniscono ai robot la capacità di riconoscere gli oggetti da afferrare e di moderare di conseguenza la presa.

Riconoscere un oggetto al tatto senza guardarlo, come quando cerchiamo un mazzo di chiavi in tasca o in fondo a una borsa, è un'operazione scontata per qualunque essere umano. Non altrettanto per una mano robotica: ma Xiaodong Chen e colleghi (università Nanyang di Singapore) stanno sviluppando sensori tattili simil-pelle che memorizzano gli stimoli meccanici derivati dal contatto con i corpi esterni.

Lo scopo è di insegnare ai robot e alle I.A. del futuro a riconoscere l'ambiente in cui si muovono e a moderare la forza della loro presa in base al contesto.

Recettori robotici. La tecnologia allo studio è uno strato superficiale sensibile alle differenti intensità di pressione, che misura le variazioni della resistenza elettrica a seconda della forza impressa. Immediatamente sotto, c'è invece una pellicola sottile che memorizza le variazioni. Allo stato attuale i sensori tattili conservano le informazioni per un tempo limitato e tutti i dati possono venire cancellati applicando una differenza di potenziale elettrico (tensione).

Questo tipo di approccio esclude la necessità di elaborare complessi software che appesantiscono la cpu del robot, liberandola così per altri compiti.

Presa gentile. Un robot capace di discriminare gli oggetti grazie al tatto, suggerisce Xiaodong Chen, sarebbe capace di afferrare delicatamente un frutto per non danneggiarlo, ma apre la strada anche a sofisticate pinze artificiali da impiegare in ambito medico.

16 gennaio 2016 Davide Decaroli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us