Innovazione

La nuova interfaccia tra uomo e macchina

Un nuovo metodo di connessione col cervello rende più concreta la possibilità di usare esoscheletri e arti artificiali.

Un giovane di 30 anni, Thibault, che quattro anni fa si spezzò l'osso del collo in una caduta che lo lasciò completamente paralizzato, è tornato a camminare: il merito è di un esoscheletro, di un team di scienziati che hanno inventato un metodo rivoluzionario per controllarlo e, soprattutto, della sua mente. L'esperimento (raccontato su Lancet) non è il primo del suo genere - esoscheletri e arti artificiali sono sempre più diffusi - ma è il primo a trovare la soluzione a uno dei problemi più comuni quando si parla di fusione tra uomo e robot.

Attenti alle infezioni. È da anni che studiamo il modo di collegare il nostro cervello a una macchina e stimolarla, facendole compiere azioni che il nostro corpo non può più svolgere. Fino a oggi, però, questo tipo di interfaccia uomo-macchina prevedeva l'inserimento di elettrodi ultrasottili direttamente nel cervello, per intercettare i segnali elettrici e tradurli in impulsi da trasmettere, per esempio, a un arto artificiale. Un metodo pericoloso, perché gli elettrodi si deteriorano con il tempo e si va incontro a infezioni. Il team dell'università di Grenoble ha invece "connesso" il cervello dell'uomo appoggiando gli elettrodi contro la membrana esterna del cervello, resistente e a prova di infezione: Thibault è così riuscito a controllare l'esoscheletro, che al momento deve essere sostenuto da tiranti perché è ancora troppo pesante.

Arto fantasma artificiale. Mentre in Francia si studia l'esoscheletro perfetto, dalla Serbia arriva la notizia di un esperimento che ha permesso a tre persone a cui sono state amputate le gambe di tornare a "sentirle": i loro arti artificiali sono infatti in grado di trasmettere stimoli ai nervi dei moncherini, i quali li passano al cervello, simulando così la presenza di un arto vero. «Dopo tutti questi anni», ha raccontato uno dei pazienti, «ho "sentito" di nuovo le gambe, come se fossero davvero lì.»

14 ottobre 2019 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us