Innovazione

L.A. Noire ed il motion capture facciale

Riconoscimento facciale da urlo.

Che il mondo dei videogiochi stia raggiungendo quote di mercato pari a quello cinematografico non è una novità degli ultimi giorni. Oramai la maggior parte delle persone che acquista un titolo vuole un realismo quasi fotografico ed è per questo che da sempre le maggiori software house di tutto il mondo si impegnano a sviluppare tecniche al fine di proporre il migliore risultato possibile.

Una delle principali tecnologie applicate ai videogiochi è da molti anni il cosiddetto "motion capture" che, mediante l'applicazione di numerosi sensori posti sul corpo di veri attori o sportivi, permette una riproduzione quasi perfetta di tantissimi movimenti all'interno di un gioco. Sicuramente avrete giocato almeno una volta ad un titolo di calcio ed è proprio mediante questa tecnica che i giocatori sembrano muoversi in maniera cosi' precisa. A portare questo sistema quasi allo stremo ci hanno pensato i ragazzi della Rockstar Games, conosciuti per la tanto discussa serie dei "Gran Theft Auto" e giunti verso la fine dell'anno passato alla conquista del mondo western con il loro "Red Dead Redemption".

Arriverà infatti a maggio nei negozi "L.A. Noire" gioco poliziesco nel quale dovrete vestire i panni di un detective e risolvere numerosi casi. Al fine di compiere le vostre missioni dovrete interrogare come sempre dei sospetti e proprio dai movimenti impercettibili dei loro volti potrete rendervi conto se la loro testimonianza sia reale o se si tratti di una menzogna ideata per depistarvi. Il motion capture è infatti focalizzato quasi totalmente sui volti delle persone ed osservando qualche filmato vi renderete conto della mole di lavoro svolta dal team americano. Se le aspettative saranno mantenute ci troveremo sicuramente dinanzi ad un capolavoro del genere e per approfondire l'argomento vi invitiamo a leggere la nostra anteprima su UpperPad.

Mario De Rosa

16 marzo 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us