Innovazione

La Nasa vuole lavare i panni sporchi nello spazio

A uso e consumo degli astronauti dell'ISS.

La NASA - agenzia spaziale americana - sta sviluppando una lavatrice per lavare il bucato in assenza di gravita sull'International Space Station (ISS). Il progetto è affidato all'UMPQUA Research Company.

Avete mai assistito al rientro sulla Terra di una navicella spaziale? No? Meglio per voi, perché, dopo giorni e giorni in assenza di gravità, gli astronauti devono pur avere qualche problemino con l’igiene e l’odore all’interno dell’abitacolo non dev’essere certamente dei migliori. Provate a pensare a come potrebbero ridursi se questa permanenza venisse prolungata per mesi, come sta per accadere con la stazione orbitante internazionale.

Può sembrare banale, ma l’uomo non può pensare di colonizzare l’universo senza fare il bucato, perché prima o poi le mutande pulite - anche se hanno ricevuto uno speciale trattamento antibatterico - finiscono sempre. L'URC sta, così, lavorando a un elettrodomestico decisamente diverso da quelli che siamo abituati ad avere nelle nostre case, che in futuro verrà inviato sull’ISS.

La lavatrice in fase di progettazione non fa uso della “classica” acqua, ma bensì di getti d’aria e vapore uniti alle microonde, e oltre ad igienizzare gli indumenti li tratta con estrema delicatezza, evitando di farli infeltrire. L’innovativo sistema non richiede, infatti, alcun detersivo - né tantomeno l’ammorbidente - e per questo è anche più ecologico. Verosimilmente, col passare degli anni, i costi di produzione si ridurranno e, grazie ai loro notevoli pregi, queste lavatrici di seconda generazione “atterreranno” nei nostri bagni.

Vi state chiedendo cosa ne facessero gli astronauti della biancheria sporca in passato? Semplice: o veniva stipata in grosse capsule che si autodistruggevano a contatto con l’atmosfera, o veniva utilizzata come concime per gli esperimenti con organismi vegetali. Averlo saputo prima, avremmo aperto una bella lavanderia a gettoni sulla Luna.

Le invenzioni Nasa che hanno cambiato il mondo

2 dicembre 2011 Luca Busani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di curiosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us