Innovazione

La Mini-Monna Lisa è il quadro più piccolo del mondo

Il dipinto più famoso al mondo entra nel nanomondo e segna un nuovo record: diventa anche il più piccolo mai realizzato. È il lavoro di un team di ricercatori americani.

Chiunque vada a vederla al Louvre si stupisce delle sue dimensioni. Com'è possibile che un quadro così famoso sia così piccolo? E pensate che adesso la Monna Lisa è diventata più piccola di un capello, circa 30 micron. È la realizzazione di alcuni ricercatori del Georgia Institute of Technology, che hanno riprodotto il capolavoro di Leonardo in versione mini per mostrare una tecnica che potrebbe diventare utilissima nei processi di nanofabbricazione.

Variando il calore in ogni posizione, pixel per pixel della grandezza di 125 nanometri, i ricercatori sono stati in grado di riprodurre piuttosto fedelmente il quadro. «Regolando la temperatura il nostro team ha utilizzato delle reazioni chimiche per produrre variazioni della concentrazione molecolare», ha spiegato Jennifer Curtis, autore dell'esperimento. Sembrerebbe solo un passatempo per scienziati, ma questo lavoro dimostra che la tecnica utilizzata ha le potenzialità per essere applicata in altri campi delle nanotecnologie e in ambiti come l'optoelettronica e la bioingegneria.

Nella gallery qui sotto vedete affiancate le due Gioconde, una serie di altre opere di arte nanotech e uno schema che permette di capire quali sono le dimensioni in gioco.

Nanotecnologie: la scienza incontra l'arte
VAI ALLA GALLERY (N foto)



VEDI ANCHE

Il giardino dei nanofiori di cristallo

Monna Lisa sulla Luna

Gioconda da record

3 settembre 2013 Sara Zapponi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us