Innovazione

La fedeltà a Apple fa crollare Nokia e RIM

Chi sceglie iPhone gli resta fedele.

Se fino a due anni fa il mercato dei cellulari e degli smartphone era dominato da Nokia e RIM, oggi Apple regna sovrana. Merito dell'iPhone o delle strategie sbagliate degli avversari?

Secondo le ultime statistiche elaborate UBS Investment Research sono sempre meno i clienti che restano fedeli a Nokia e RIM quando si tratta di comprare un nuovo smartphone. Apple, invece, continua inesorabilmente ad attirare nuovi “aficionados” che, nel’89% dei casi, decidono di acquistare il nuovo modello della Mela appena spunta all’orizzonte snobbando la concorrenza.

Il successo di Apple, ovviamente, non giova a Nokia e RIM che riescono a sopravvivere a fatica in un mercato sempre più competitivo e sono passati, a loro malgrado, dalla posizione di dominatori a quella di dominati.

Nokia, dopo l’arrivo di Stephen Elop in “cabina di pilotaggio”, ha deciso di sterzare verso Windows Phone stringendo un “patto di sangue” con Microsoft. Una scelta drastica che, almeno per il momento, non è stata adottata da RIM che continua ad andare per la sua strada sotto il controllo dei suoi due fondatori Balsillie e Lazaridis. La situazione per il colosso canadese è comunque critica dopo l’ennesimo scivolone in Borsa.

Non è però solo Apple a rosicchiare clienti a Nokia e RIM, ma anche HTC e Samsung con un tasso di fedeltà rispettivamente del 39% e 28%. La percentuale di fedelissimi Nokia è scesa dal 42% del marzo 2010 all’attuale 24%, mentre RIM ha visto ridursi la sua porzione di fan del BlackBerry dal 62% al 33%.

Sempre secondo le stime di UBS, il 31% degli utenti che hanno optato per un modello Android, seppur leader del mercato mondiale, sarebbero propesi a un imminente cambio di sponda a favore di Apple.

E tu sarai tra le migliaia di persone che acquisteranno il nuovo iPhone 5?

26 settembre 2011 Daniele Perotti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us