La coperta che misura lo stress in volo

Il sogno di chiunque abbia paura dell'aereo ha le sembianze di una coperta che cambia colore in base allo stato d'animo del passeggero: è la super tecnologica mossa di marketing della compagnia britannica British Airways.

blancket
I sonni tranquilli di questo passeggero sono ben visibili nel blu della coperta.|Nick Morrish/British Airways

Potrebbe sembrare una normale copertina da viaggio, una di quelle che troppo spesso alcuni passeggeri scambiano come souvenir e si portano a casa. Ma questa coperta ideata dagli esperti di marketing della British Airways ha qualcosa di speciale: si illumina di colori diversi a seconda dello stato d'animo del viaggiatore che "avvolge".

Quando il turista è rilassato, la happiness blancket ("coperta della felicità") si tinge di azzurro; quando il passeggero è stressato, diventa rossa, segnalando a hostess e steward che è il momento di intervenire.

Come funziona. La coperta si accompagna a una fascia contenente neurosensori in grado di rilevare le onde cerebrali di chi la indossa. Queste informazioni sono trasmesse via Bluetooth alla fibra ottica di cui è intessuto il drappo, che si illumina di conseguenza.

I dispositivi sono al momento in fase di sperimentazione su alcuni voli nella tratta Londra-New York. La compagnia spera di capire attraverso di essi il grado di gradimento di alcuni servizi, come quello di ristorazione e l'intrattenimento di bordo. Secondo i primi dati raccolti le coperte si "tingono" di rosso durante la fase della partenza, e virano verso il blu al momento dei pasti, durante la visione di un film o quando i passeggeri dormono.

 

Lo scopo - oltre a farsi un po' di pubblicità - è quello di migliorare la qualità del trattamento offerto e garantire anche in alta quota un'ottima qualità del sonno. Per il momento le coperte servono a raccogliere dati: inutile sperare il rosso possa, in questa fase, sollecitare particolari premure da parte dell'equipaggio.

 

Guarda anche un video che illustra il loro funzionamento:

 

 

E due imperdibili fotogallery di aeroporti:

 

 

07 Luglio 2014 | Elisabetta Intini