Innovazione

L'iPad mini è bello fuori ma "brutto" dentro

Difficile da smontare per lo staff di ifixit.com

di
Lo staff di iFixit torna a fare a pezzi un iPad e questa volta prende di mira il nuovissimo iPad mini. Cosa c'è di nuovo? Niente, è difficile, se non impossibile, da smontare come il fratello maggiore dove abbondano adesivo, colla e viti nascoste a volontà. E anche per lui una sonora bocciatura.

"Anche per l’iPad mini Apple continua ad utilizzare pannelli LCD di Samsung"

Tale padre, tale figlio

con l’iPad di terza generazione

iPad mini

E così anche lui si becca lo stesso voto del tablet “genitore”: un 2 su 10 che sa tanto di bocciatura per Apple

Separati in casa - Certo, non tutto è da buttare via. Apple è riuscita con l’iPad mini, per esempio, a surclassare Amazon e Google quanto meno nel “comparto” display. Lo schermo dell'iPad mini, a differenza dei due rivali Amazon Kindle Fire HD e Google Nexus 7 che presentano il vetro protettivo fuso direttamente con il pannello LCD che fa lievitare a dismisura i costi di riparazione - è composto da due elementi separati - vetro protettivo e pannello LCD- che facilita, quindi, le operazioni di smontaggio e riduce i costi di riparazione. Fatto curioso è che, anche se i due elementi vengono separati, il touchscreen continua a funzionare, come potete vedere nel video pubblicato in fondo alla news.

Colla a volotà - Ma le buone notizie finiscono più o meno qui. Anche perché i tecnici di iFixit, già per separare il vetro protettivo dal pannello LCD, hanno dovuto sudare qualcuna delle proverbiali sette camicie. Armati del loro fido iOpener e di qualche plettro per chitarra, hanno impiegato circa mezzora per scollare le due parti. Ma Apple non sembra aver badato a spese in quanto ad adesivo: anche la scheda logica (o madre che dir si voglia) è saldamente fissata al back case di alluminio con una generosa dose di colla. Così, per tirarla fuori dal case, lo staff di smanettoni ha dovuto utilizzare le “maniere forti”: pistola ad aria calda puntata direttamente sul retro del case finché la colla non ha iniziato a sciogliersi.

Viti, viti, viti e ancora viti - Non solo adesivo&colla, all’interno dell’iPad mini. A Cupertino, infatti, non hanno lesinato nemmeno in viti, sparse praticamente ovunque all’interno del tablet. E alcune nascoste anche molto bene come, per esempio, le due che tengono fisso il dock Lightining nella sua posizione o le due che tengono fissato il pannello LCD.

A proposito di schermo, si tratta ancora di un Samsung W1235 S6TNMR1X01, segno che il “cordone ombelicale” tra Apple e il colosso coreana non è stato ancora totalmente reciso. Sotto il pannello a cristalli liquidi c'è una placca di metallo che separa il display dal resto della componentistica: anche questa è fissata al corpo del tablet da ben 16 viti. Alla fine del disassemblaggio, insomma, si contano non meno di 30 viti: un 2 su 10 più che meritato. (sp)

Il touchescreen dell'iPad mini funziona anche smontato!

2 novembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us