Innovazione

L'intelligenza artificiale di Google per la tutela delle specie a rischio

Google scende in campo per la tutela della biodiversità mettendo a disposizione le proprie tecnologie di intelligenza artificiale.

Il Living Planet Report 2018 del WWF ci consegna un quadro deprimente: nel regno animale, dal 1970 a oggi la popolazione dei vertebrati si è ridotta del 60%, mentre l'ultimo rapporto IPBES dichiara a rischio di estinzione oltre un milione di specie animali. Decine di organizzazioni sono attivamente impegnate per scongiurare o mitigare questa ecatombe, con diversi progetti di tutela e conservazione: accanto a queste si è schierata anche Google, che con Wildlife Insights ha messo a disposizione di etologi e scienziati le sue tecnologie di intelligenza artificiale, per facilitare il loro lavoro.

Autoscatti. Una delle attività fondamentali nella tutela delle specie a rischio è la mappatura delle popolazioni che vivono allo stato selvatico: per fare questo i ricercatori si affidano per lo più alle fototrappole, ossia a speciali macchine fotografiche posizionate in punti strategici (per esempio le pozze d'acqua) che si attivano al passaggio degli animali e scattano una fotografia. Queste immagini permettono agli scienziati di tenere sotto controllo gli esemplari che popolano una certa area geografica, di controllarne lo stato di salute, di seguirne gli spostamenti e le migrazioni. Ma quando le immagini diventano decine di migliaia, chi si occupa di catalogarle? Il processo, fino ad oggi interamente manuale, è così lungo da essere inefficace: la foto di un animale scattata settimane o mesi fa è praticamente inutile.

Google: Wildlife Insights
L'intelligenza artificiale di Google riconosce e cataloga gli animali presenti nelle foto scattate dalle fototrappole. © Google

Sorridi, sei su Google. Google ha messo a disposizione di Conservation International, una delle principali organizzazioni attive in questo ambito, i suoi sistemi di intelligenza artificiale specializzati nel riconoscimento delle immagini. A oggi oltre 4 milioni e mezzo di immagini sono già state caricate su Wildlife Insight, che è già una sorta di "Google Immagini" della fauna selvatica.

Il sistema è in grado di analizzare una fotografia e identificare le specie immortalate in pochi istanti, anche 1.000 volte più velocemente di un essere umano, ed è potenzialmente in grado di catalogare fino a 3,5 milioni di immagini l'ora. Per ora l'AI di Google è in grado di riconoscere 614 specie di animali con una precisione che varia tra l'80 e il 98,6%, ma, soprattutto, è in grado di scartare automaticamente i milioni di immagini inutili, scattate dalle fototrappole quando vengono attivate da insetti, rami, fili d'erba... L'auspicio, a questo punto, è che le informazioni permettano di avere un quadro sempre più preciso di ciò che accade alle specie monitorate e per mettere a punto politiche più efficaci per la tutela dell'ambiente e degli animali.

26 gennaio 2020 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us