Innovazione

L'albero di Natale del cavol(in)o

Venti anni fa, si facevano accrocchi pericolosi con le lucine. Oggi si usano led e batterie ricaricabili. Ma se siete un po' nerd (e amate la verdura) potete accendere l'albero come questi scienziati. Coi cavolini di Bruxelles.

Pile naturali

avrete probabilmente visto luce alimentate da limoni oppure orologi collegati alle patate. Ma è possibile ricaricare un iPod con una cipolla? La nostra prova.

Cosa usate come decorazioni dell'albero di Natale? Le classiche palline, i bastoncini di zucchero che piacciono agli americani, le mandorle avvolte nella stagnola, i biscotti... o i cavolini di Bruxelles? Non è una storiella di Natale, ma succede davvero alla annuale Big Bang Fair di Londra, festival scientifico dedicato ai ragazzi.

Come funziona?
Qui alcuni giovani scienziati hanno realizzato cinque batterie speciali, collegate in serie, del tipo usato per alimentare gli orologi "a verdura", in vendita in molti negozi e negli shop dei musei di scienza di tutto il mondo: ciascuna batteria contiene 200 cavolini di Bruxelles, infilzati su elettrodi di zinco e rame. La verdura è il sufficiente "bagno acido" attraverso il quale gli elettroni fluiscono dall'uno all'altro elettrodo.

L'albero fatto con i cavolini di Bruxelles
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Cambiare cavoli
Le cinque batterie, costruite in modo da mostrare tutti i cavolini impiegati, producono 62 volt e 10 mAmpère: poco, ma sufficiente per alimentare le 100 lampadine led di un albero di Natale esposto alla fiera. Che potrà continuare a luccicare fino a quando il deperimento dei cavolini lo consentirà (circa un paio di settimane, giusto fino a dopo la Befana).
Ma perché sono stati scelti proprio i cavolini? Perché da un recente sondaggio in Inghilterra sono risultati il piatto che tutti i bimbi inglesi vorrebbero... togliere dalla tavola di Natale!

I 15 alberi di Natale amici dell'ambiente
VAI ALLA GALLERY (N foto)

17 dicembre 2013 Carlo Dagradi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us