Innovazione

Jammer in azione per proteggere Obama

Roma è bloccata e la visita del presidente Usa è protetta anche dai jammer, che provocano il blackout delle comunicazioni via cellulare. Ecco che cosa sono e a che cosa servono i jammer.

L'incubo di polizia e servizi segreti è un atto di terrorismo a Roma, un attentato lungo le strade che il presidente Barack Obama percorrerà in questi giorni, nel corso della sua visita nella città capitolina. Un ordigno nascosto in un cestino dei rifiuti, in un'auto, sotto a un tombino o dentro a una centralina, e comandato a distanza da una semplice telefonata col cellulare... Non è la trama di un thriller, come dimostrano le misure di sicurezza eccezionali, ma è un rischio che si può contrastare anche grazie a strumenti elettronici come i jammer.

A che cosa serve. Il jammer nasce come strumento di ausilio alle forze dell'ordine nella lotta contro il terrorismo e la criminalità. Situazione tipica è l'interruzione delle comunicazioni subito prima di un'azione di polizia, in modo da impedire ai sospetti di avvertirsi dell'imminente pericolo. Nel caso di bombe azionate via cellulare, poi, l'utilizzo di un jammer può rivelarsi determinante al fine di prevenire l'innesco. Molto comune è altresì l'utilizzo di questi apparecchi nelle indagini di polizia su strumenti elettronici: l'utilizzo del jammer impedisce al cellulare di comunicare con l'esterno mentre viene analizzato.

Variegati sono tuttavia anche gli utilizzi fantasiosi e per lo più negativi. Pensate per esempio all'albergatore disonesto che decida di interrompere il segnale per costringere i clienti ad utilizzare il telefono interno. O ai ladri d'auto che grazie ai jammer possono intervenire sulla frequenza delle chiavi elettroniche per impedire la chiusura centralizzata.

Come funziona. Il meccanismo alla base del jammer è molto semplice: per poter funzionare i cellulari devono dialogare con i ripetitori, che ritrasmettono il segnale. Quando ci si sposta, cambia il ripetitore con il quale il proprio cellulare si relaziona. Per comunicare, cellulare e ripetitori utilizzano delle frequenze radio: in questo "scambio" interviene il jammer che, utilizzando le stesse frequenze, neutralizza la comunicazione. Alcuni apparecchi, più complessi e potenti, interrompono anche altri tipi di segnale, come il Gps.

L'efficacia e il raggio dell'interruzione dipendono dalla potenza dell'apparecchio: si va da qualche metro a svariate centinaia di metri per i dispositivi più sofisticati.

Com'è fatto. I jammer meno potenti sono composti da pochi, semplici elementi: un'antenna, qualche circuito elettronico (che si occupano di generare il segnale di disturbo e di regolarne la frequenza) e una batteria. Esteriormente possono apparire in varie forme e non è raro trovare apparecchi camuffati da oggetti comuni, quali pacchetti di sigarette o astucci.

È legale? Per noi comuni cittadini, no. Diverse sono infatti le norme italiane e dell'Unione Europea che ne vietano l'utilizzo a fini privati. Inutile pensare di poter interrompere il conversatore molesto, al ristorante o in treno: per adesso, interrompere una conversazione telefonica è reato.

27 marzo 2014 Federico Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us