Innovazione

iTrem: l’App alleata dei malati di Parkinson

iTrem monitora il Parkinson

Gli smartphone di giorno in giorno ci sorprendono sempre più con le innovative funzioni che studiosi e ricercatori riescono ad applicarvi, ma la cosa davvero sconvolgente è come questi adorabili oggetti tecnologici possono migliorare la nostra vita.

L’iPhone, che da anni viene sfruttato per applicazioni di ogni tipologia – dal gioco per rilassarsi alle guide turistiche passando ovviamente per le App di cucina – ora verrà sfruttato per uno scopo davvero strabiliante, ovvero l’assistenza ai malati di Parkinson e altre malattie neurologiche. L’applicazione chiamata iTrem utilizza l’accelerometro per raccogliere i dati dei pazienti che si trovano in casa o in ufficio avendo così sempre con se un punto di riferimento ed archivio dei dati costantemente aggiornato dei tremori provenienti da braccia e mani. Una volta raccolti, i dati vengono inviati al personale medico che, in caso di anomalie, può facilmente intervenire o informare il paziente.

Sviluppato e progettato dalla Georgia Tech Research Institute (Gtri), iTerm è attualmente in fase di studio clinico presso la Emory University e prima di poter accedere all’App Store dovrà essere approvato da FDA. Il tutto, burocrazia permettendo, dovrebbe avvenire entro la fine dell’anno.

Le malattie di disturbi motori come il Parkinson ad oggi hanno colpito oltre 10 milioni negli USA e, lo scopo principale di quest’App è quello di aiutare i malati a condurre una vita il più normale possibile evitando spesso inutili attese negli ospedali. Non ci rimane che attendere gli esiti della FDA e gli ultimi test prima di poter vedere iTerm in App Store!

18 luglio 2011 Daniele Perotti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us