Innovazione

iPhone 5 viaggia veloce. Anche verso il jailbreak...

Lo smartphone Apple fa registrare grandi prestazioni.

di
L'iPhone 5 fa segnare prestazioni record nei vari benchmark. Il risultato? È l'iPhone più veloce di sempre e molto più performante rispetto a Samsung Galaxy S3 e al Motorola Razr M. Intanto, a poche ore dal lancio, arrivano già i primi jailbreak per sboccarlo.

"Nonostante sia solo dual-core, è più performante dei quad-core Galaxy S3 e Razr M"

Il miglior iPhone di sempre

vedi per esempio le mappe

Più veloce della luce - Già i primissimi, ma ufficiosi, benchmark, avevano messo in rilievo le altissime prestazioni dell'iPhone 5. Prestazioni confermate in pieno da questi nuovi benchmark. Lo smartphone Apple, messo sotto torchio da BrowserMark e SunSpider, fa registrare prestazioni doppie rispetto all’iPhone 4S, mentre con GeekBench ottiene una prestazione due volte e mezzo superiore rispetto al suo predecessore. L'iPhone 5, insomma, è un vero e proprio Speedy Gonzalez.

Confronti - Ma l’iPhone 5 riesce a difendersi bene anche al di fuori del suo “recinto”. Lo smartphone Apple, infatti, non solo è più veloce e prestante dei suoi predecessori, ma batte di gran lunga anche i suoi più diretti concorrenti Android. Se gli stessi test, infatti, vengono ripetuti sul Samsung Galaxy S3 e sul Motorola Raza M - due tra i modelli di punta del mondo Android - si scoprono differenze abissali nelle prestazioni. Nel test Geekbench, che misura le prestazioni dei processori, il dual-core A6 dell’iPhone 5 distanzia di circa 200 punti gli Snapdragon quad-core dei due avversari. Per quanto riguarda, invece, le prestazioni della memori, le differenze addirittura schizzano verso l'alto, con l’iPhone 5 che distanzia il Motorola Razr M e il Samsung Galaxy S3, rispettivamente, di 500 e 600 punti. Anche a livello di prestazioni grafiche l’iPhone domina i due avversari, doppiando il risultato fatto segnare dal Galaxy S3.

Jailbreak? - Alla finestra, però, non ci sono solamente buone nuove per Apple perché all'orizzonte si intravede anche il nuovo jailkreak. Per ora c’è solamente una foto postata su Twitter da Grant Paul. Ma quella foto potrebbe significare davvero tanto perché “semplicemente” ritrae, nel primo pomeriggio del 21 settembre, il primo iPhone 5 jailbreakato. C'era già, insomma, a poche ore dal lancio di iOS 6, c'era era un jailbreak anche se l’operazione di “sblocco” era stata effettuata su iPhone “antiquati”. Gli hacker, però, si sono voluti superare e poche ore dopo dall'arrivo dell'iPhone 5, sono riusciti a sbloccare anche l’ultimo smartphone prodotto dal colosso di Cupertino.

Ancora privato - Il jailbreak per il nuovo iPhone 5, almeno per il momento, non è disponibile per il download pubblico.

Si tratta, per ora - come accennato - solo di un’immagine postata su Twitter , con in primo piano la schermata di Cydia, a dimostrare che lo sblocco è stato effettivamente realizzato. Probabilmente ci saranno ancora dei dettagli da sistemare e/o da stabilizzare, prima che il grande pubblico possa iniziare a scaricare il jailbreak. Ma, a questo punto, dovrebbe mancare davvero pochissimo tempo. E magari arriverà prima che l’iPhone 5 sbarchi sul mercato italiano. (sp)

La presentazione ufficiale dell'Apple iPhone 5

24 settembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us