Innovazione

iPhone 5, Foxconn e le scorte in esaurimento

Foxconn non riesce a stare dietro alla domanda

di
Foxconn proprio non ce la fa. Le scorte di iPhone 5 continuano a diminuire, la domanda mondiale aumenta e la fabbrica cinese non riesce a stare dietro alle richieste che arrivano da Cupertino. E ora Apple paga dazio anche in borsa, dove ha perso il 20% in sei settimane.

"Non ce la facciamo a stare dietro alla richiesta di iPhone 5 che arriva da Cupertino"

Pezzo da collezione

dopo l’allerta lanciata qualche settimana fa

Parto difficile - «Non è semplice produrre gli iPhone 5». E questo, tutto sommato, già lo sapevamo. Lo aveva ribadito la stessa Foxconn dopo che si era diffusa la voce che le scorte del nuovo smartphone Apple fossero arrivate agli sgoccioli. Dopo appena due settimane di vendita. «Non riusciamo - ha confermato Gou - a stare dietro all’enorme domanda che ci arriva da Apple». Per porre rimedio, pare che Foxconn stia utilizzando anche altri stabilimenti produttivi. Il presidente dell'azienda cinese non ha confermato la notizia, ma le voci che sostengono che Foxconn International Holding, solitamente impegnata nella produzione di prodotti Nokia e Huawei, abbia iniziato ad assemblare anche l'iPhone 5 sembrano tutt’altro prive di fondamento.

Contraccolpi - E questa scarsità di melafonini si sta ritorcendo contro Apple a livello finanziario. Le quotazioni di Cupertino, dal picco di oltre 700$ per azione coinciso con il lancio mondiale dell'iPhone 5, sono praticamente crollate. Per acquistare un’azione Apple sono ora necessari "solo" 557 dollari, quotazione di chiusura nella giornata di mercoledì. Questo vuol dire che il valore di Apple, nel giro di circa 6 settimane, è calato del 20% e corrisponde a una perdita di valore capitale di circa 100 miliardi di dollari. Tutt’altro che un’inezia anche per un colosso economico e finanziario come Apple. (sp)

Guarda lo spot TV dell'iPhone 5

8 novembre 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us