Innovazione

Inviato il primo tweet col pensiero

Non è fantascienza, ma un regalo della tecnologia: grazie a un'interfaccia cervello-computer un uomo malato di sla è riuscito a pubblicare un tweet col pensiero.

Un tweet col pensiero: non è il titolo di un nuovo film fantascientifico, ma ciò che è realmente accaduto in Australia, dove un uomo paralizzato a causa della SLA (sclerosi laterale amiotrofica) è riuscito a postare una frase sul famoso social utilizzando un'interfaccia cervello-computer. È la prima volta al mondo che viene postato un messaggio su un social media solo con la forza del pensiero (e la tecnologia), ed è un ulteriore dimostrazione di come la comunicazione oculare (in inglese eye-tracking) possa rendere un po' più semplice la vita a molte persone con gravi disabilità che non riescono a comunicare in altro modo.

«Ciao mondo! Tweet breve. Progresso monumentale»: questo il primo messaggio inviato da Philip O'Keefe, 62 anni, al mondo social (qui sotto il tweet originale, inviato attraverso l'account di Thomas Oxley, amministratore delegato della Synchron, la startup ideatrice dell'apparecchio utilizzato da O'Keefe). «Non ho dovuto digitare né parlare. Ho creato questo tweet solo con il pensiero #helloworldbci», ha cinguettato O'Keefe, che ha poi aggiunto: «Spero di aprire la strada a una nuova forma di tweet col pensiero».

Non così semplice. I social media telepatici per tutti sono tuttavia una realtà probabilmente più lontana di quanto possa sembrare: il sistema utilizzato da O'Keefe è abbastanza complesso, ed è pensato per persone con disabilità gravi che non riescono a comunicare in altro modo. L'interfaccia si serve di un nodo che viene impiantato nel cervello e poggia sulla corteccia motoria, la parte responsabile del movimento fisico volontario: l'utente può quindi guardare uno schermo con una tastiera e selezionare le lettere per comporre una frase. Attraverso un altro apparecchio posizionato sul petto, un algoritmo di machine learning elabora i dati e traduce quei segnali in comandi digitali specifici.

Funzionamento Stentrode
L'immagine mostra il funzionamento del dispositivo endovascolare Stentrode, che connette il cervello a un computer passando attraverso la vena giugulare. L'intervento per l'installazione del dispositivo è mininvasivo, simile all'operazione necessaria per intervenire in caso di ictus. © Oxley TJ, Yoo PE, Rind GS, et al. | Journal of NeuroInterventional Surgery 2021

Come andare in bicicletta. A detta di O'Keefe, l'utilizzo è (relativamente) semplice, «come andare in bicicletta: richiede un po' di pratica, ma una volta che hai imparato viene naturale». La Synchron ha annunciato in un comunicato stampa che quest'anno darà il via negli Stati Uniti ai primi studi sull'uomo.

3 gennaio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us