Innovazione

Intelligenza artificiale, il duello tra Musk e Zuckerberg

I due non si sono risparmiati stoccate verbali di opposte vedute in merito al progresso delle macchine: da una parte c'è una visione più cauta e pessimistica, dall'altra l'entusiasmo per le possibilità offerte.

Sulle loro visioni sono stati creati imperi finanziari e tecnologici: tutto si può dire di Elon Musk e Mark Zuckerberg, tranne che non sappiano vedere le cose in prospettiva. Le loro, però, appaiono diametralmente opposte, almeno su uno dei tempi "caldi" per chi si occupa di innovazione: quello dell'intelligenza artificiale e del suo futuro rapporto con l'uomo.

Facebook è uno dei principali investitori della Silicon Valley nel campo dell'intelligenza artificiale, in linea con il suo "papà" Zuckerberg che da sempre ha un approccio entusiasta verso il tema.

Una frecciata diretta. Sabato, durante una conferenza in streaming sul social network, Zuck ha detto di essere molto ottimista in merito all'intelligenza artificiale: «Non riesco a capire le persone che fanno i bastian contrari e disegnano questi scenari apocalittici» ha aggiunto. «È per certi versi un approccio molto negativo e credo sia piuttosto irresponsabile». Il riferimento chiaro era ad Elon Musk, che da anni mette in guardia contro le possibili derive negative e belligeranti di macchine sempre più avanzate, delle quali potremmo un giorno perdere il controllo.

La replica. Interpellato via Twitter sull'uscita di Zuckerberg, Musk ha risposto di aver trattato il tema dell'intelligenza artificiale insieme a Mark, ma che «le sue conoscenze in materia sono limitate». Un anno fa, Musk ha contribuito a fondare OpenAI, un'organizzazione il cui obiettivo è indirizzare l'evoluzione dell'intelligenza artificiale verso modalità positive per l'essere umano.

Un futuro a tinte fosche. Il milionario fondatore di Tesla e SpaceX è infatti convinto che il progresso dei robot condannerà l'uomo a divenire un essere irrilevante, o nella migliore delle ipotesi alla stregua di un animale domestico per gli androidi. L'unica via d'uscita è farsi cyborg, fondersi con le macchine per non restare indietro.

Per questo motivo Musk sta lavorando a interfacce che permettano al cervello umano di comunicare direttamente con i computer, un po' come avviene già ora per chi comanda arti robotici. Dal canto suo, Zuck ha sviluppato un maggiordomo robot, Jarvis, che è ormai diventato uno di famiglia.

27 luglio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us