Innovazione

L'occhio per mini droni copiato dagli insetti

Un occhio composto, come quello degli insetti, per droni in volo in ambienti ristretti e poco illuminati.

I droni formato insetto sono la soluzione ideale per le missioni esplorative e di soccorso nei luoghi in cui esseri umani e cani (e robot "tradizionali") non possono arrivare. È un settore della robotica in continua evoluzione, come dimostra l'ultimo progetto dei ricercatori del Politecnico Federale Svizzero, che hanno ideato un occhio artificiale e un sistema di navigazione per robottini autonomi ispirandosi all'apparato visivo degli insetti.

Microcosmo. Di norma l'occhio composto degli insetti è dotato di un potere di risoluzione delle immagini relativamente basso, che è tuttavia compensato da un'elevata sensibilità alla luce e ai corpi in movimento. Sono queste le caratteristiche che i ricercatori hanno imitato, progettando un dispositivo adatto per piccoli velivoli senza pilota che devono muoversi in spazi ristretti senza scontrarsi con gli ostacoli.

Come funziona. Prendendo mosche e affini come modello, il team guidato da Dario Floreano ha concepito un occhio sintetico grande 2 millimetri cubi e del peso di 2 milligrammi, che si compone di una lente collegata a tre fotosensori disposti in una configurazione triangolare.

Durante il volo i fotorilevatori registrano le radiazioni elettromagnetiche, mentre un software elabora i dati raccolti, permettendo di calcolare la velocità di spostamento, la distanza dagli oggetti o il tempo di collisione con un ostacolo anche in ambienti poco illuminati.

Robot-insetti. I ricercatori hanno programmato il software e sviluppato il design del sensore visivo: il prossimo passo consiste nel realizzare fisicamente il chip e testarlo all'interno di un mini aereo, come il drone ripiegabile realizzato anch'esso al Politecnico Federale di Losanna.

Secondo Floreano, la sfida sarà quella di combinare più occhi artificiali in modo da consentire al drone di «vedere tutto intorno», riuscendo così a decollare, atterrare e gestire l'intero piano di volo.

Lo studio è stato pubblicato su The Royal Society Interface.

12 agosto 2015 Davide Decaroli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us