Innovazione

L'asfalto poroso anti inondazioni

Un nuovo tipo di asfalto per fare fronte ad allagamenti e inondazioni assorbe fino a 1000 litri d'acqua al minuto.

Per prevenire allagamenti e inondazioni nei centri abitati, un'azienda britannica propone un asfalto che può assorbire fino a 1.000 litri di acqua per metro quadrato al minuto. Si chiama Topmix Permeable ed è un nuovo tipo di materiale poroso che, risolti alcuni problemi, potrebbe aiutare a limitare i danni.

Asfalto drenante. Ciò che distingue Topmix Permeable dall'asfalto classico è l'assenza al suo interno di sabbia e pietrisco compattato, materiali che impediscono all'acqua di filtrare attraverso il manto stradale. Questa caratteristica rende la mescola porosa e capace di assorbire acqua, rilasciata poi lentamente nel terreno sottostante da uno strato di conglomerato.

Lo speciale asfalto incorpora inoltre un'alta percentuale di aria (35%) rispetto al normale asfalto (20%), e questa composizione lo rende più resistente.

Per adesso il nuovo materiale - in fase di test - fa da fondo a un parcheggio in Gran Bretagna (video qui sotto, in inglese).



I difetti. Lo speciale asfalto non è il primo del suo genere: manti porosi sono già stati utilizzati per pavimentare piste ciclabili e marciapiedi, rivelando diversi punti deboli. Richiedono infatti molta manutenzione, si rovinano facilmente, non sono adatti a strade con traffico intenso e insieme all'acqua assorbono anche inquinanti, come l'olio dei motori. In Olanda hanno sperimentato soluzioni parziali, ma non tutti i problemi sono stati risolti.

10 ottobre 2015 Silvia Malnati
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us