Innovazione

In scena a Roma Nicola Piovani e il mondo delle colonne sonore

Una rassegna curata dalla Filarmonica Romana.

Quattro giornate dedicate al rapporto tra musica e cinema, mentre si avvicinano il cinquantenario de "La Dolce vita" e il centenario della nascita del grande compositore Nino Rota, il musicista preferito da Federico Fellini per le sue colonne sonore. Sono quelle che dedica l'Accademia Filarmonica Romana, le ultime due delle quali si tengono oggi e domani al Teatro Olimpico della Capitale.

Stasera, si esplora il mondo, spesso imprevedibile che lega la musica alle immagini, con un ritorno che è contemporaneamente rivolto al passato e attualizzato ai gusti musicali dei giovani di oggi. Quale potrebbe essere l’effetto sul pubblico quando si collega la musica rock, eseguita dal vivo in sostituzione del “vecchio” pianoforte, allo schermo, “usandola” come colonna sonora di un film? Un’esperienza unica, quella offerta con la proiezione, in prima italiana, di Universalovedi Thomas Woschitz (in originale con sottotitoli in italiano), viaggio intorno al mondo per raccontare le mille sfumature del sentimento amoroso, che prevede appunto l’esecuzione live della colonna sonora, affidata al gruppo rock austriaco Naked Lunch.

Domani, sabato 2 ottobre, in protagonista sarà il Premio Oscar Nicola Piovani, che incontrerà il pubblico prima del suo concerto, alle ore 21, con l’Orchestra Roma Sinfonietta, da lui diretta, insieme alle voci soliste di Francesca Breschi e Donatella Pandimiglio e a quella narrante di Norma Martelli. In programma, oltre alle suite sinfoniche tratte da La vita è belladi Benigni, La voce della luna eGinger e Freddi Fellini, anche la prima esecuzione a Roma della versione per orchestra, approntata da Piovani dopo quella per quartetto d’archi, della Cantata del fiore per due voci femminili, voce narrante e orchestra, su testo di Vincenzo Cerami.

2 ottobre 2010 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us