Innovazione

In California crolla la popolarità delle trivellazioni marine

Lo dice sondaggio del Public Policy Institute.

Il disastro del Golfo del Messico cambia le idee dell'opinione pubblica sulle trivellazioni petrolifere in mare, in particolare nei territori maggiormente colpi dall'eco-disastro BP, come la California. Un sondaggio pubblicato in questi giorni mostra, infatti, che il consenso della popolazione dello Stato americano a nuove ricerche di oro nero nel suo mare è crollato, proprio negli ultimi tempi, visto che oggi il 59 per cento dei californiani sarebbero contrari, mentre due anni fa la tendenza registrata dal Public Policy Institute of California era ben diversa.

Sempre più forte invece la tendenza verso la riduzione dei gas serra: infatti, la legge che vuole portare le emissioni californiane, entro il 2020, agli stessi livelli del 1990, è supportata oggi da due terzi della popolazione, anche perché i cittadini sono sempre più convinti che la lotta al cambiamento climatico possa portare nuovi posti di lavoro, non certo far perdere quelli esistenti. Diventa, così, difficile il compito dei sostenitori della Proposition 23, una legge fatta apposta per l'industria del petrolio, che sarà messa al voto il prossimo novembre, secondo la quale in California andrebbero sospese tutte le misure contro il cambio climatico, almeno fino a quando la percentuale di disoccupazione non scenderà al di sotto del 5,5% per almeno un anno. Insomma la California, scottata dalla catastrofe causata da BP si tinge di verde, speriamo di non avere tutti bisogno di un'esperienza del genere per fare altrettanto.

Foto: http://www.flickr.com/photos/lecates/393653154/lightbox/

29 luglio 2010 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us