Innovazione

Il tweet della vittoria di Obama è il più ritwittato di sempre

"Four more years", ancora quattro anni: le parole scelte dal Presidente per annunciare la rielezione segnano un nuovo record sui social network.

"Four more years", ancora quattro anni: sono le parole con cui Barack Obama annuncia su Twitter la propria vittoria (il rivale Mitt Romney aveva fatto di "four more days", ancora quattro giorni, l'ultimo slogan della sua campagna elettorale). Il cinguettio con la foto del Presidente e della moglie Michelle è stato ritwittato, nel momento in cui scriviamo, 457.830 volte. È il più ritwittato di sempre e c'è da scommettere che nell'arco della giornata, mentre il resto del mondo si sveglia, segnerà nuovi record.

Lo stesso scatto e la stessa frase postate su Facebook hanno registrato finora 1.756.953 like, record assoluto anche su questo social network. Mitt Romney non ha ancora postato nulla, registrando sui social lo stesso ritardo con cui, come qualcuno gli rimprovera, ha riconosciuto la vittoria dell'avversario politico.
E la conferma del fatto che il neoeletto, due volte Presidente sia molto amato su Twitter arriva anche dal fatto che nella election night i tweet per minuto dedicati a Barack Obama sono stati 327 mila. Una cifra impressionante considerando che il precedente record, raggiunto durante la re-union delle Spice Girls per la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi, era di 116 mila, e quello precedente, per la medaglia d'oro di Usain Bolt nei 100 metri piani, di 80 mila.

Ma al di là delle preferenze politiche degli utenti, la notte delle elezioni ha registrato una straordinaria partecipazione su Twitter, totalizzando oltre 31 milioni di cinguettii: l'evento politico più condiviso di tutta la storia degli Stati Uniti.
Com'è stata la vostra esperienza social della election night? L'avete seguita su Facebook o Twitter? Lasciate il vostro commento!

7 novembre 2012 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us