Innovazione

Il terzo occhio dello scarabeo stercorario

Un intervento sul codice genetico di uno scarabeo ha prodotto un risultato inatteso: un terzo occhio perfettamente funzionante. La ricerca è stata poi replicata, per comprendere il meccanismo.

Non è stata la meditazione a regalare a uno scarabeo stercorario, un Onthophagus, un terzo occhio, ma la soppressione di un gene. I ricercatori dell'Università dell'Indiana hanno condotto un esperimento di biologia dello sviluppo impedendo all'embrione di scarabeo l'attivazione del gene orthodenticle, coinvolto nello sviluppo della testa, ottenendo la comparsa di un occhio composto e "funzionante" sulla fronte dell'animale.

Gioco di incastri. La ricerca prende le mosse da un precedente esperimento della stessa equipe, durante il quale lo stesso risultato era stato ottenuto casualmente.

Uno scarabeo non modificato (a sinistra) e lo scarabeo con il terzo occhio (a destra).
Uno scarabeo non modificato (a sinistra) e lo scarabeo con il terzo occhio (a destra), composto in realtà da un paio di occhi molto vicini. © Eduardo Zattara/Indiana University

«La biologia dello sviluppo è complessa, perché non c'è un singolo gene essere responsabile per un occhio, un cervello, un'ala di farfalla o il guscio di una tartaruga», commenta uno dei ricercatori, Armin Moczek. «Sono migliaia di singoli geni e dozzine di processi di sviluppo a concorrere per creare questi tratti. Abbiamo imparato che creare un nuovo tratto fisico è come lavorare a una nuova costruzione di Lego utilizzando gli stessi pezzi, ricombinando gli stessi geni e gli stessi processi di sviluppo in un nuovo contesto.» Questo significa che evolvere nuove caratteristiche potrebbe non essere così complesso come si è pensato fin'ora.

Decifrare il linguaggio. «Siamo rimasti stupiti dal fatto che il blocco di un gene abbia non solo sabotato lo sviluppo del corno e della testa, ma anche attivato lo sviluppo di una struttura davvero complessa come un occhio funzionante in una posizione differente», aggiunge il biologo Eduardo Zattara.

Il processo per cui vengono creati nuovi organi in posizioni anomale, i cosiddetti organi ectopici, viene sfruttato dai ricercatori che indagano sull'evoluzione di nuovi tratti fisici: lo studio ha quindi interessanti ricadute, per avere identificato e isolato una porzione del linguaggio con cui è scritto il progetto di ogni forma di vita.

19 novembre 2017 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us