Innovazione

Manto stradale stampato in 3D da un robot manutentore

È un piccolo veicolo robot che usa la stampa 3D per depositare materiale sotto di sé in vari strati, per riparare diversi tipi di superfici.

Robert Flitsch, della Harvard John A. Paulson School of Engineering and Applied Sciences, ha avuto un'idea che potrebbe risolvere il problema delle buche sulle strade. Si tratta di Addibot (additive manufactoring robot), un piccolo veicolo robotizzato in grado di stampare in 3D strati su strati di materiale ruvido e depositandolo sulla buca.


L'idea e l'hockey. Il 22enne americano è partito da una riflessione sui limiti delle stampanti 3D domestiche in circolazione, ovvero il fatto che possano stampare in modo statico e negli spazi limitati del loro box, producendo dunque oggetti di dimensioni contenute. Ed è arrivato alla conclusione che «se la rendi mobile puoi stampare oggetti di ogni taglia».

Detto fatto, Flitsch ha costruito il suo piccolo robot lo ha dotato di 4 ruote e della possibilità di inclinarsi, e sotto lo chassis ha inserito una serie di ugelli in grado di depositare materiale stampato livello dopo livello per riparare superfici di vario genere.



Il primo esperimento per testare velocità e precisione è stato su un campo ghiacciato da hockey (come si vede nel video in inglese qui sopra), dove l'Addibot ha riempito le crepe provocate dai pattini dei giocatori inserendo il ghiaccio, stampato grazie a una pompa e a uno scambiatore di calore inserti nel robot.


Le potenzialità. Il prototipo sembra funzionare e ha il vantaggio di poter essere controllato a distanza o di potersi muovere in modo autonomo controllato da un Gps. Il passo successivo è la ricerca fondi per produrre una versione più grande, utilizzando lo stesso principio, da usare per la manutenzione stradale.

Il materiale e i processi chimici richiesti per la creazione dell'asfalto tappabuche possono essere contenuti nel robot e mantenuti a una temperatura elevata costante. Ci sono ancora questioni tecniche da risolvere, prima tra tutte quella di tenere la polvere lontano dal materiale da stampare. Flitsch conta di avere il primo Addibot stradale funzionante nell'arco di un anno, per farne uno strumento al servizio delle pubbliche amministrazioni e della cantieristica, alla stregua del braccio robotico che costruisce i ponti.

17 gennaio 2016 Martino De Mori
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us