Innovazione

Il robot per studiare i primi animali terrestri

Dalla preistoria alla stampa 3D: un pesce anfibio robotico sta aiutando a capire come si muovevano le creature che per prime si spinsero sulla terraferma.

Un robot stampato in 3D che simula i movimenti di pesci anfibi potrebbe spiegare come i primi animali uscirono dall'acqua avventurandosi sul suolo, 360 milioni di anni fa. Il MuddyBot (da mud, fango) ha dimostrato come, per queste creature, l'uso della coda fosse più importante di quanto si credesse, soprattutto sui terreni inclinati.

Il progetto, che coinvolge il Georgia Institute of Technology, la Clemson University e la Carnegie Mellon University (USA), aiuterà a ideare robot che possano muoversi su superfici accidentate, ed è infatti stato finanziato dall'Army Research Lab. statunitense.

I ricercatori sono partiti dall'osservazione di video di perioftalmi o saltafango (Periopthalmus barbaratus), pesci che vivono nelle zone soggette a maree, che sono capaci di sopravvivere anche fuori dall'acqua muovendosi con le pinne frontali e la coda.

Un aiuto indispensabile. Il team ha poi progettato e stampato il robot per semplificare, attraverso un modello osservabile e replicabile, le caratteristiche di queste creature anfibie. Simulazioni e modelli matematici hanno permesso di chiarire la fisica del movimento. Nei test in laboratorio, il robot, proprio come i pesci, ha usato la coda in modo marginale sulle superfici piatte, ma l'ha sfruttata in modo essenziale per affrontare superfici sabbiose inclinate di 20 gradi.

Nuova prospettiva. Senza la coda, per i pesci anfibi sarebbe stato difficile spingersi fuori dall'acqua. Non è una scoperta di poco conto. I precedenti modelli di locomozione dei primi animali terrestri si basavano sul modo di procedere delle salamandre, che non usano la coda in modo così netto. Qui sotto, un video che confronta i saltafango con il robot che ad essi si ispira.

11 luglio 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us