Innovazione

Il robot-cane SpotMini ha imparato ad aprire le porte

L'ultimo video sulla creatura della Boston Dynamics mostra il quadrupede localizzare e abbassare una maniglia, spalancare una porta e tenerla aperta per un suo "amico". Si salvi chi può!

Potete decidere se esaltarvi o inquietarvi, ma difficilmente questo video vi lascerà indifferenti. SpotMini, il più evoluto cane robotico della Boston Dynamics (un laboratorio nato come spin-off del MIT e specializzato in macchine semoventi), è ora capace di aprire le porte con la maniglia, e di tenerle aperte per altri quadrupedi non altrettanto "avanti".

Ci riesce grazie al suo quinto arto articolato, sistemato dove un cane normale avrebbe la testa e dotato di una pinza per afferrare gli oggetti. Con questo strumento, il robot aveva già dimostrato di saper svuotare e riempire una lavastoviglie, senza rompere piatti e bicchieri.

Passa prima tu. Nel video qui sopra, SpotMini individua correttamente la porta, la apre e la tiene aperta per un suo compare ancora sprovvisto della quinta zampa. Non è la prima volta che una creatura della Boston Dynamics apre una porta: due anni fa ci era riuscito anche il robot umanoide Atlas, ma spingendo in modo brutale un uscio dotato di maniglione - un'operazione decisamente meno complessa.

SpotMini pesa 30 kg ed è alto 84 cm. Come il fratello Spot - la versione precedente - può fare le scale, muoversi su terreni accidentati ed esplorare i dintorni, ma in più è capace di afferrare gli oggetti grazie a una serie di sensori di navigazione, forza e posizione.

13 febbraio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us