Il jet supersonico Lynx: da New York e Tokyo in 90 minuti

Cosa si può fare in 90 minuti? Godersi una partita di calcio, preparare una torta o... viaggiare da Tokyo a New York. Sarà possibile tra circa vent'anni, grazie al progetto Lynx della compagnia californiana Xcor Aerospace: un jet supersonico che sarà in grado di viaggiare, già dal 2014, a una velocità di 4 mila chilometri all'ora a 100 chilometri da terra.
Ma che succederà agli aerei di linea? Su Focus 241, in edicola fino al 20 novembre, potete scoprire tutti i segreti degli aerei di domani: dai biplani chiusi alle fusoliere trasparenti, passando anche per i velivoli supersonici.

01_11-07-11_lynx_telescope-lo02_11-07-21_lynx-new-ascent_700x00_flightprofile07_capacita04_lynx-white-pan-double-sided0000_resize05_lynx-white-pan-double-sided0002_resize06_lynx-white-pan-double-sided0003_resizetest1Approfondimenti
01_11-07-11_lynx_telescope-lo

La Xcor Aerospace, una compagnia aerospaziale californiana, ha presentato la settimana scorsa le prime immagini di quello che dovrebbe essere l'aereo supersonico del futuro.  Dal 2014, per la modica cifra di 95 mila dollari, sarà possibile fare un viaggetto nello spazio con questo velivolo biposto, destinato a effettuare voli suborbitali con passeggeri e piccoli carichi a una velocità di 4 mila chilometri all'ora. Il primo viaggio commerciale di Lynx, però, sarà  inaugurato tra circa vent'anni e collegherà, se tutto va come previsto, New York e Tokyo in soli 90 minuti.

Nell'immagine, Lynx trasporta un telescopio. Per scoprire di che si tratta, prosegui nella gallery.

Lynx è ancora un prototipo, per voli costosi e per pochi passeggeri. Ma qualcosa sta cambiando anche nel futuro degli aerei di linea. Se l'argomento vi interessa, date un'occhiata su Focus 241, in edicola fino al 20 novembre, dove si parla proprio del futuro degli aerei di linea: biplani chiusi, fusoliere trasparenti e velivoli supersonici.


Per approfondire:

Gli aerei più pazzi del mondo
Tutti nello spazio: le nuove frontiere del turismo
Come voleremo nel 2050?
L'aereo del 2050: trasparente e multimediale
Voleremo così

02_11-07-21_lynx-new-ascent_700x

Lynx ha la forma orizzontale di un normale aereo privato, ma utilizza un sistema di propulsione a razzo riutilizzabile che lo spedisce a circa 100 chilometri dalla superficie terrestre.

Dove inizia lo spazio? Fin dove si estende l'atmosfera? Dove iniziano i voli orbitali. Scoprilo in questa infografica

00_flightprofile

Il viaggio dimostrativo è aperto a chiunque voglia spendere 95 mila dollari e dovrebbe essere disponibile già dal 2014.
Lynx decollerà orizzontalmente, raggiungerà la quota di 100 chilometri in meno di dieci minuti e atterrerà nel giro di mezz'ora nello stesso luogo di partenza, con una discesa circolare, come vedete dall'immagine.
Xcor stima che si possano effettuare con lo stesso velivolo quattro viaggi al giorno.


Guarda anche l'animazione di un volo di Lynx:



07_capacita

Oltre al turismo spaziale (il jet potrà trasportare il pilota e un passeggero), Lynx sarà disponibile per diverse missioni, dal semplice addestramento dei piloti, al lancio di telescopi e microsatelliti, al rilevamento di dati atmosferici. I carichi considerati "primari" sono quelli paganti, mentre i "secondari" sfruttano i viaggi con carico "primario" per un costo più modesto.

04_lynx-white-pan-double-sided0000_resize

I primi turisti di Lynx siederanno vicino al pilota in una cabina pressurizzata. Entrambi indosseranno per tutta la durata del viaggio tute pressurizzate di sicurezza.

05_lynx-white-pan-double-sided0002_resize

La fusoliera di Lynx, leggera e resistente, è dotata di una protezione termica che la protegge dagli sbalzi di temperatura. La lunghezza complessiva del velivolo è di circa 9 metri e la sua larghezza di 7,5 metri.

06_lynx-white-pan-double-sided0003_resize

Il primo aeroporto da cui partirà Lynx sarà il Mojave Air and Space Port, in una zona desertica California. Qui le condizioni sono ottimali, essendo una regione dove la visibilità è ottima 360 giorni l'anno.

test1

Uno dei primissimi test sul motore di Lynx, nel 2009. Il piano di sviluppo da 10 milioni di dollari era stato presentato dalla Xcor nel 2008.


Su Focus 241, in edicola fino al 20 novembre, trovate un articolo sul futuro degli aerei di linea: biplani chiusi, fusoliere trasparenti e velivoli supersonici.


Per approfondire:

Gli aerei più pazzi del mondo
Tutti nello spazio: le nuove frontiere del turismo
Come voleremo nel 2050?
L'aereo del 2050: trasparente e multimediale
Voleremo così

La Xcor Aerospace, una compagnia aerospaziale californiana, ha presentato la settimana scorsa le prime immagini di quello che dovrebbe essere l'aereo supersonico del futuro.  Dal 2014, per la modica cifra di 95 mila dollari, sarà possibile fare un viaggetto nello spazio con questo velivolo biposto, destinato a effettuare voli suborbitali con passeggeri e piccoli carichi a una velocità di 4 mila chilometri all'ora. Il primo viaggio commerciale di Lynx, però, sarà  inaugurato tra circa vent'anni e collegherà, se tutto va come previsto, New York e Tokyo in soli 90 minuti.

Nell'immagine, Lynx trasporta un telescopio. Per scoprire di che si tratta, prosegui nella gallery.

Lynx è ancora un prototipo, per voli costosi e per pochi passeggeri. Ma qualcosa sta cambiando anche nel futuro degli aerei di linea. Se l'argomento vi interessa, date un'occhiata su Focus 241, in edicola fino al 20 novembre, dove si parla proprio del futuro degli aerei di linea: biplani chiusi, fusoliere trasparenti e velivoli supersonici.


Per approfondire:

Gli aerei più pazzi del mondo
Tutti nello spazio: le nuove frontiere del turismo
Come voleremo nel 2050?
L'aereo del 2050: trasparente e multimediale
Voleremo così