Innovazione

Il pacemaker che si ricarica coi battiti cardiaci

Il nuovo dispositivo si ricarica utilizzando il battito dello stesso cuore che sostiene: il sistema funziona, ma è complesso da impiantare e non è perciò adatto a tutti.

Chi soffre di aritmie cardiache e ha un pacemaker per regolarizzare i battiti del suo cuore lo sa bene: le batterie non sono eterne. Mediamente durano 15 anni e ricaricarle o sostituirle non è piacevole. Da tempo si cercano e testano alternative, come il nuovo dispositivo che si ricarica proprio grazie alle pulsazioni del cuore.

I test sono stati condotti sui maiali, perché il cuore dei suini ha dimensioni simili al nostro e questo dispositivo è strutturato in modo da avvolgere il cuore. Il pacemaker ha corretto l'aritmia del maiale e l'energia che raccoglie è sufficiente per stabilizzare anche i battiti di un cuore umano.

cuore, patologie cardiache, pacemaker, alimentazione dei pacemaker, aritmia cardiaca, fibrillazione
L'evoluzione dei pacemaker: dimensioni e peso si riducono e la durata della batteria si allunga (il primo, nel 1958, ha funzionato 8 ore), ma nessuno ha una batteria eterna. © St. Jude Medical / Elab. focus.it

Un estremo rimedio. Anche se il meccanismo funziona ed è promettente, per la sua stessa natura non potrà essere utilizzato da tutti quelli che ne avrebbero bisogno. La sua installazione è più complessa di quella di un normale pacemaker a batterie e richiede un'operazione a cuore aperto, decisamente più rischiosa dell'ormai rodata installazione di un pacemaker.

In futuro, per rendere questa tecnologia meno rischiosa, si potrà sperimentare lo stesso meccanismo di ricarica con altri muscoli, oppure, meglio ancora, si riuscirà ad arrivare ai pacemaker biologici, che non hanno bisogno di batterie o ricariche.

4 maggio 2019 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us