Innovazione

Il Monte Everest e il problema delle toilette

I rifiuti umani sono troppi e bisogna trovare una soluzione.

Ogni anno moltissimi scalatori partono con destinazione Nepal per tentare la scalata al monte più alto del mondo: l'Everest. Finora le loro necessità biologiche finivano su cumuli di neve, ma gli ambientalisti non sono d'accordo e chiedono al governo la costruzione di toilette chimiche in modo da salvaguardare la bellezza della vetta più alta del mondo.

Tonnellate di rifiuti - Questo Paradiso terrestre - a ben 8848 metri d'altezza - rischia di diventare il cassonetto dell'immondizia più alto del mondo: anni e anni di spedizioni hanno lasciato tantissimi rifiuti, rovinando questo magnifico angolo del nostro pianeta. Il gruppo Eco Everest Expedition ha raccolto nel corso di tre anni 13 tonnellate di rifiuti, 400 chili di rifiuti umani e ben quattro cadaveri: un bottino che di sicuro ha migliorato le condizioni della vetta.

WC chimici - Per migliorare la situazione, Phinjo Sherpa, direttore del gruppo Eco Himal, sostiene che le migliaia di escursionisti che ogni anno intraprendono questa avventura sarebbero facilitati nel compito di proteggere la Natura se esistessero strutture adeguate, come per esempio delle toilette chimiche. Il problema, ovviamente, riguarda anche il livello di educazione tra gli sportivi. Se alcuni sono dotati di contenitori idonei, la maggior parte degli escursionisti ad alta quota non si cura della salute dell'Everest e cerca il primo cumulo di neve idoneo per liberarsi del "peso".

Lenta decomposizione - Un altro aspetto riguarda la lentezza della composizione. A queste altitudini, infatti, dove il freddo è veramente pungente, il processo naturale avviene con una maggiore lentezza e possono passare anche decenni prima della totale scomparsa del rifiuto, aggravando ulteriormente il problema. (sp)

Viaggi e avventura - Meraviglie della Terra

17 ottobre 2011 Stefano Caneva
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us