Innovazione

Strumenti hi-tech per gravi disabiltà

Una specie di guanto, in fase di sviluppo, permette ai sordo-ciechi di comunicare tra loro e usare i social network.

Il Mobile Lorm Glove è uno speciale guanto hi-tech sviluppato come ausilio per i sordociechi, per aiutarli a comunicare: è infatti in grado di tradurre il loro linguaggio specifico in messaggi testuali. Nato nel 2012 dal ricercatore tedesco Tom Bieling, il guanto ora è in una nuova fase di sviluppo e sta salendo agli onori della cronaca per il sistema che permette ai sordociechi di comunicare a distanza, sui social network. Si tratta di progetto pilota che potrebbe essere un grande aiuto per chi è affetto da queste disabilità.

Le parole nella mano. Il Mobile Lorm Glove si può considerare il primo dispositivo mobile per sordociechi, un vero e proprio traduttore simultaneo dal linguaggio Lorm (il codice utilizzato dai sordociechi tedeschi) alle altre lingue. Se finora la comunicazione poteva avvenire solamente fra persone vicine, con il nuovo sviluppo è possibile scambiare messaggi a distanza. Bieling ha realizzato un video (in inglese qui sotto) in cui mostra una conversazione via Twitter: un messaggio creato in linguaggio Lorm attraverso il guanto viene convertito in testo e inviato allo smartphone di un ricevente.

TRADUTTORE E CORRETTORE. Identico in tutto e per tutto a un guanto comune, il Mobile Lorm Glove è disseminato di sensori capaci di riconoscere la pressione delle dita dell'altra mano, che traccia sulla sua superficie i simboli Lorm. Oltre a tradurli in testo scritto, include un sistema di suggerimento, come negli smartphone. Ad esempio: per comporre la 's' si deve tracciare un circolo sulla mano, ma se si sbaglia e si traccia una figura differente, il sistema riconosce la 's' come lettera più probabile all'interno della parola e suggerisce di inserirla.

Il Design al centro. Bieling ha iniziato a lavorare al suo guanto tre anni fa durante il dottorato di ricerca (insieme a Ulrike Gollner) al Design Research Lab della Berlin University of the Arts, partendo dal presupposto che il design può essere una chiave per affrontare la disabilità.

Il Mobile Lorm Glove è ancora in fase di prototipo e sa interpretare solo il linguaggio Lorm (tedesco). Ma il linguaggio è un software e, se il sistema funziona, sviluppare un altro software non dovrebbe essere un problema e ciò potrebbe cambiare la vita di persone fortemente limitate dalla loro disabilità.

18 marzo 2015 Martino De Mori
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us